Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Candyman


 Ed eccomi qui, pronta a recensire il nuovo Candyman che a sorpresa non è un remake, semmai il seguito del film di Bernard Rose.
Un film che mette in chiaro diversi aspetti sugli afroamericani tenuti in disparte dal primo film, ma che qui trovano degli spunti interessanti per parlare di razzismo e di ingiustizie subite dagli afroamericani.
E quindi? Come è andata?
All'inizio ero un po' perplessa, perché mi sembrava che questo nuovo Candyman rispetto all'originale ci mancava qualche cosa, non so forse più coinvolgimento nella trama, invece no, poi l'ho scoperto man mano che il film andava avanti mi sono accorta che l'assetto narrativo ha un suo perché.
Innanziutto per vedere questo nuovo Candyman consiglio la visione del film di Bernard Rose perché altrimenti non capisci bene la trama.
Poi, non bisogna spaventarsi della narrazione del film, perché il tutto sta nel carpire i personaggi centrali, che parlano di leggende urbane, e soprattutto di Candyman, se ti metti davanti a uno specchio e dici cinque volte il suo nome lo evochi, e lui ti ucciderà con un uncino.
Si perché è proprio quello che succede, ma si racconta davvero la storia di Candyman un uomo innamoratosi di una donna bianca, e per questo viene ucciso, ma anche per un motivo ben preciso: viene accusato ingiustamente di omicidio.

 
Come è andata allora la visione?
Come ho detto prima all'inizio ero un po' perplessa, poi man mano che la storia andava avanti, mi accorsi che ero risucchiata completamente nella storia, incollata alla poltrona, Candyman stavolta si vede poco, ma miete le sue vittime, come l'angelo della morte, il leggendario quartiere del film originale è stato sostituito da un quartiere per fighetti, ma la leggenda nera di Candyman continua a vivere, e vivrà fino a quando ci saranno persone che lo invocheranno.
Gli omicidi di questo capitolo sono decisamente più splatter, e a differenza dell'originale, a farci la pelle sono persone bianche, non persone nere.
Un film decisamente intrigante, mi è piaciuto, anche perché stavolta a dirigere il tutto è una regista di colore e Jordan Peel, ha scritto la sceneggiatura.
Che dire...una piccola chicca che merita più di una visione, anche perché il finale è di quelli suggestivi capaci di farti riflettere sulla storia e soprattutto sulla intolleranza razziale.
Da vedere assolutamente.




Commenti

  1. Ho preferito il film di Bernard Rose ma anche questo ha il suo perché, il riaggiornamento è molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi Bollicina tesoro, si condivido, questo è il vero sequel del film di Bernard Rose, che tra l'altro è fatto benissimo, ma questo è scritto e diretto da persone di colore, che raccontano una storia tutt'atro che scontata.

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!