Passa ai contenuti principali

Lost Movies - La Terra dell'abbastanza

 

L'esordio dei fratelli D'innocenzo non poteva proprio mancare alla fabbrica, un film disperato, sofferto e drammatico che mi ha colpito molto.

Certe volte la vita di presenta delle opportunità, bisogna prenderle al volo o lasciare perdere?
Le scelte che si fanno grazie a "quelle" opportunità ci possono fare affrontare delle conseguenze disastrose volte a rovinare per sempre la nostra vita, e soprattutto il nostro mondo.
Al centro ci sono due amici, che per una casualità o scherzo del destino, investono un uomo ma non gli prestano soccorso, poi scoprono che l'uomo che hanno investito è un pentito di un clan camorristico, i due amici entrano nel clan, ma dopo l'iniziale euforia si rendono conto che stare dentro quella gang di criminali si rivela abbastanza deleterio per la loro vita.
Presto sono chiamati dal rispettivo Boss di svolgere dei compiti che li mettono l'uno contro l'altro, la loro amicizia termina, la ragazza di uno di loro si allontana, fino al giorno in cui Mirko deve uccidere un pugile su ordine del boss.
Manolo deve fare una scelta, soltanto che non avrà il tempo di entrare in questura a raccontare la sua storia...


Un film duro, straziante, un opera che è difficile da mandare giù, ci troviamo di fronte a un film che è un autentico pugno nello stomaco.
I fratelli D'innocenzo dirigono un film che parla di due ragazzi che cercano il guadagno facile, la vita facile, ma che si trovano immischiati in un gioco più grande di loro che trasformerà inevitabilmente le loro vite per sempre.
L'abilità dei due giovani cineasti sta nella narrazione quasi in presa diretta della loro vita nella criminaltà, quasi come se noi spettatori seguiamo di fianco le loro vite e la loro escalation che sarà una discesa agli inferi senza possibilità di trovare la luce.
Non c'è un happy end, non c'è un perdono nulla.
In quel mondo fatto di superficialità, di violenza e corruzione, non c'è possibiltà nemmeno di redenzione, e lo scopriranno presto Manolo e Mirko dove sono andati a finire.
Alla fine si ritroveranno da soli a combattere contro un gigante invincibile, che inghiotterà per sempre le loro vite.
Un autentico pugno nello stomaco.
Da non perdere.



Commenti

  1. Bel film disperato, mi è piaciuto più l'altro però questo è comunque notevole ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!