Passa ai contenuti principali

Jules e Jim - di François Truffaut






Jules e Jim è uno di quei film che quando li vedi ti conquistano se li sai apprezzare, la struggente e bellissima storia di due amici e della donna che si unisce a loro formando uno dei più famosi menage a trois della storia del cinema la prima volta che l’ho visto mi ha lasciata senza fiato la seconda mi sono commossa amo moltissimo questo film sia per l’ambientazione che per alcuni temi che lo riportano molto vicino alle contestazioni e alla rivoluzione sessuale di quegli anni (il film è uscito nel 1962 in piena rivoluzione) il centro del film è ovviamente Catherine un personaggio che sa essere spregiudicato per i tempi ma capace di lasciare il segno, infatti il film per molto tempo il film è stato vietato ai minori di diciotto anni (che cretinate direte voi ma quando l’ho letto per poco non mi mettevo a ridere) per le scelte alternative di Catherine. Catherine che ama due uomini, la Catherine che si traveste da maschio con i baffetti, la Catherine femminista ante litteram era troppo scandalosa per la società di allora, la Catherine che sceglie di amare due uomini contemporaneamente uno fisicamente ed emotivamente l’altro spiritualmente non andava bene. ma parliamo del film, in assoluto da non perdere è un capolavoro assoluto leggero come una sinfonia dolce come una carezza passionale come l’amore rovente come il fuoco struggente fino a commuoverti. L’inizio è spensierato allegro poi c’è la guerra in cui tutto cambia si alternano i ruoli si ricompongono i sentimenti si ripensa alle scelte fatte, troviamo Catherine sposata con Jules hanno una bimba ma sia lei che il marito frequentano altre persone Catherine confessa a Jim di amarlo ancora e tenta di riallacciare il rapporto che prima della guerra era appena nato…ma tutto cambia…Il film resta uno dei più bei manifesti della Nouvelle Vague da collezionare da riscoprire e da amare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.