Passa ai contenuti principali

Jules e Jim - di François Truffaut


Jules e Jim è uno di quei film che quando li vedi ti conquistano se li sai apprezzare, la struggente e bellissima storia di due amici e della donna che si unisce a loro formando uno dei più famosi menage a trois della storia del cinema la prima volta che l’ho visto mi ha lasciata senza fiato la seconda mi sono commossa amo moltissimo questo film sia per l’ambientazione che per alcuni temi che lo riportano molto vicino alle contestazioni e alla rivoluzione sessuale di quegli anni (il film è uscito nel 1962 in piena rivoluzione) il centro del film è ovviamente Catherine un personaggio che sa essere spregiudicato per i tempi ma capace di lasciare il segno, infatti il film per molto tempo il film è stato vietato ai minori di diciotto anni (che cretinate direte voi ma quando l’ho letto per poco non mi mettevo a ridere) per le scelte alternative di Catherine. Catherine che ama due uomini, la Catherine che si traveste da maschio con i baffetti, la Catherine femminista ante litteram era troppo scandalosa per la società di allora, la Catherine che sceglie di amare due uomini contemporaneamente uno fisicamente ed emotivamente l’altro spiritualmente non andava bene. ma parliamo del film, in assoluto da non perdere è un capolavoro assoluto leggero come una sinfonia dolce come una carezza passionale come l’amore rovente come il fuoco struggente fino a commuoverti. L’inizio è spensierato allegro poi c’è la guerra in cui tutto cambia si alternano i ruoli si ricompongono i sentimenti si ripensa alle scelte fatte, troviamo Catherine sposata con Jules hanno una bimba ma sia lei che il marito frequentano altre persone Catherine confessa a Jim di amarlo ancora e tenta di riallacciare il rapporto che prima della guerra era appena nato…ma tutto cambia…Il film resta uno dei più bei manifesti della Nouvelle Vague da collezionare da riscoprire e da amare.


-->

Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.