Passa ai contenuti principali

La calda amante di François Truffaut

La Calda Amante

Trama
Un facoltoso editore durante un viaggio incontra e si innamora ricambiato di una giovane hostess di volo, ma c'è un problema lui è sposato e ha una figlia...


COMMENTO
Truffaut porta alle porta alle estreme conseguenze il discorso già iniziato con Jules e Jim, se nel primo film c'è la freschezza degli anni giovanili e si respira l'aria sessantottina di rivoluzione e di anarchia, c'è la trasgressione accenni al femminismo soprattutto per quanto riguarda le scelte della protagonista, in questo film è la borghesia a venire messa alla berlina e Truffaut con la sua abilità registica racconta la storia della doppia vita di un uomo che sceglie di amare un altra donna, ci sono segreti, c'è la paura di essere scoperto e Truffaut è bravissimo a fotografare questo ritratto di borghesia in un interno e ne fa anche un aspra critica e si respira anche un evidente pessimismo, ma questo non fa del film un opera da detestare, anzi semmai è il contrario io che l'ho appena finito di vedere ne sono entusiasta, secondo me è uno dei suoi film più sinceri e più riusciti.I sentimenti vengono portati all'estremo, c'è il desiderio di fuggire via da una vita piatta e monotona e cercare di afferrare quei sentimenti e quella voglia di provare cose che ahimè non si sono provate mai nell'arco di un intera vita, c'è l'entusiasmo della trasgressione e c'è anche l'inganno, il segreto e la bugia...Protagonista Françoise Dorleac sorella di Catherine Deneuve nel ruolo di Nicole e Jean Desailly nel suo maturo amante Pierre...l'inizio sembra una di quelle pubblicità per famiglie tenere e dolci ma poi man mano che il film va avanti ti senti come se ti dessero un pugno nello stomaco che naturalmente non può che conquistarti in pieno, Truffaut ci mette alla fine il tragico come di suo stile e ne fa un dramma che lascia segni indelebili...da collezzionare

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. sono parzialmente d'accordo con la tua opinione! Io credo che il pessimismo non è divaricato dal regista, ma piuttosto nella storia, la posizione di Truffaut è neutra, lui ha semplicemente voluto raccontare un fatto di cronaca nera con lucidità sentimentale senza calcare nulla. Gli attori sono incredibili, soprattutto la moglie, lo sguardo finale è monumentale.

    RispondiElimina
  3. si sono d'accordo con te e cmq una pellicola interessante dal punto di vista dei sentimenti che avvolgono il protagonista la sua voglia di fuggire è un film davvero molto bello ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.