Passa ai contenuti principali

Un Tram che si chiama desiderio - di Elia Kazan

UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO

Trama
Blanche Dubois, dopo la morte del marito annega il dolore di questa perdita nell'alcool per questo ha perso il posto di insegnante a scuola, non avendo più un soldo nè un posto dove andare va a vivere dalla sorella Stella, la convivenza è difficile per l'arroganza e la crudeltà di Stanley Kowalsky, un polacco che si vergogna delle sue origini e che è anche violento con la moglie...fino a quando Mitch non si innamora di Blanche e lui fa credere che lei non è onesta nei suoi riguardi...

COMMENTO
Un film che fotografa la fragilità di una donna gentile e sensibile come Blanche che si scontra con la brutalità e la prepotenza di Stanley, Elia Kazan traduce per lo schermo il dramma teatrale di Tennesse Williams e si affida alla recitazione di attori come Vivien Leigh (ve la ricordate Rossella O'Hara?) che volle essere Blanche con tutta se stessa e ha interpretato Blanche trasformandosi letteralmente in lei al punto da rimanere intrappolata nel personaggio, un bravissimo Marlon Brando non l'avevo mai visto così cattivo davvero grande, Kim Hunter e Carl Malden.
Un tram che si chiama desiderio è una discesa agli inferi fino ad arrivare alla follia per quanto riguarda Blanche ed è proprio Stanley che non le lascia scampo fin dal suo arrivo a casa vuole entrare nella sua intimità e scoprire tutto ciò che la riguarda, esemplare la scena in cui lui tocca le foto e lei non vuole che lo faccia come per proteggere la sua vita, lui crede che siccome ha venduto la casa vuole imbrogliare la sorella e allora vuole vedere i documenti e si comporta come un padrone come se le cose di Blanche appartenessero anche a lui, ma nonostante ciò Mitch si innamora di lei e lei finalmente grazie a questo spiraglio di luce spera di uscirne fuori da quell'inferno fino a quando Stanley non ci mette il suo zampino e rovina tutto facendo lasciare Blanche con Mitch e violentandola fino a cundurla alla follia quando Mitch vede che sta andando in un ospedale psichiatrico prende a pugni Stanley e Stella prende finalmente la decisione di lasciare il marito, grande film, grande regia e grandi interpreti Kazan firma un film che non si può dimenticare facilmente tantomento non si può non amare...

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.