Passa ai contenuti principali

Birdy - Le ali della libertà

Quando Nicolas Cage era un attore con la A maiuscola...si potrebbe  sottotitolare così la recensione di questo film, anche se senza dubbio la migliore interpretazione la da Matthew Modine.
E' un film drammatico e toccante, forse uno dei migliori diretti da Alan Parker, regista che apprezzo, ma che ancora non ho approfondito in pieno, questo film segna una precisa analisi sull'infanzia di due amici, che si sono persi per colpa della guerra in vietnam, e che si ritrovano adulti, uno in congedo per essere stato ferito, l'altro assorto nel mutismo più assoluto, cosa gli è successo? Quale trauma ha subito per non spiccicare più nessuna parola? A spiegarlo ci pensa il regista che narra la storia di un amicizia virile, segnata da una guerra devastante, ma è anche una storia in cui l'amicizia viene messa a dura prova, dal ritorno alla vita di Birdy, alle lacrime del suo migliore amico che fa di tutto per portarlo alla vita, e scoprire soprattutto cosa gli è successo.
Un film intenso e commovente che riesce a colpire nel profondo gli spettatori che riescono a identificarsi con questi due amici, che hanno avuto la giovinezza segnata dalla guerra, e  ora devono fare i conti con le conseguenze devastanti che li hanno divisi e turbati.
Magnifica la regia, che sa dove andare  a parare, schietta, sincera, avvolte fin troppo, Alan Parker è molto presente con la sua regia, lo si nota in ogni scena, sa dirigere benissimo i suoi attori, ma sa andare a fondo nella storia, il che lo fa un grandissimo film.
Potrei finire qui a questo punto, l'entusiasmo che ho provato guardando questo grandissimo  film è grandissimo, si vede vero? Bene, nonostante sia tratto dal romanzo di William Wharton sa avere una sua personalità, grazie soprattutto al regista, che non risparmia nulla e sa come personalizzare un soggetto non suo.
Un film pungente, doloroso, ma soprattutto un film vero, capace di parlare anche con un  piccolo sguardo dolente al cuore del pubblico, il che non è poco, considerando i due attori protagonisti del film, prima che Nicolas Cage vincesse l'oscar e diventasse un attore "da cassetta" era un vero attore, speriamo che la smetta di scegliere filmetti che non aggiungono nulla alla sua carriera e si concentri sull'arte della recitazione, dato che riesce a recitare benissimo quando vuole.
Nulla da dire su Matthew Modine, lui è il perno del film, dall'inizio alla fine, e solo per la sua interpretazione il film merita di essere visto, poi c'è tutto il resto...
Voto: 8
E stavolta gli do un 8 pieno, se lo merita :).


Commenti

  1. il miglior film di Cage, l'ho visto quando è uscito, Matthew Modine è più che perfetto e il film non me lo sono più dimenticato!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.