Passa ai contenuti principali

Man of Steel - L'uomo d'acciaio

Toh chi si rivede e riecco Superman, anzi L'uomo d'acciaio che deve fare i conti con una bella gatta da pelare, deve fare i conti con un cattivo che vuole distruggere la terra per far rinascere Krypton, il pianeta da cui viene Kal el, che è sopravvissuto ed è stato allevato da una coppia di agricoltori, conosciuti i suoi poteri li mette al servizio dell'umanità per salvare la terra.
Beh non aspettiamoci un capolavoro, si sa che i giocattoloni cinematografici sono adatti davanti a un pacchetto di popcorn e una bevanda frizzante e fresca soprattutto per staccare da una visione "impegnata" a un altra, ecco questi film sono giusti per questo motivo, altri motivi non ce ne sono.
Christopher Nolan, già autore della famigerata trilogia di batman che ha avuto il merito di rinverdire, ci riprova con un altro supereroe affidando la regia a Zack Snyder.
Lì per lì non è male, ma il limite del film che è anche il suo grande difetto è nel rendere tutto bigger than life, negli altri film di superman, che ho visto da bambina e spero di recuperare, si dava molta importanza a rendere l'empatia con il pubblico parte integrante della trama, in questo film invece la cosa più importante sono gli effetti speciali, grandiosi direi, ma qui si deve dare importanza anche ai personaggi e ai rapporti che li legano alle persone loro vicine.
Personalmente ho apprezzato molto di più la versione di Bryan Singer che era anche coinvolgente rispetto a questo film, nulla da togliere a Snyder, ma sinceramente parlando mi aspetto di vedere un film, non un fumetto trasformato in giocattolone arraffasoldi.
Sarà un operazione simile al Batman Noliano, ma io ci vedo solo la ripetizione confusa di una storia che è presente nell'immaginario del pubblico e nella storia dei fumetti e infine nel cinema dove diventa un icona, lasciamo perdere le leggende legate alla maledizione di superman, e speriamo che non investa anche questo film, comunque considerando che come film-giocattolo non aggiunge molto alla saga di questo supereroe, possiamo ben dire che se vogliamo vedere e soprattutto conoscere Superman, di recuperare i film con Christopher Reeve, che è stato l'unico che ha personalizzato meglio superman.
Voto: 5



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.