Passa ai contenuti principali

Henry & June

Ecco un film tratto da un romanzo di Anais Nin, la scrittrice francese è la protagonista di un quadrato amoroso che comprende oltre al marito, Henry Miller, - interpretato da Fred Ward - e sua moglie June - una giovanissima Uma Thurman - durante la genesi del suo capolavoro letterario, Il Tropico del cancro.
Visto così la visione risulta piacevole e mai pesante, ma non aspettatevi un grande capolavoro, il film ammicca, cerca di provocare, seduce, lo spettatore per deliziarlo con delle scene erotiche che sono al centro della trama e che effettivamente ci stanno tutte.
La Nin era una scrittrice di romanzi erotici, che possiamo anche definirli racconti racchiusi in un diario dove esprimeva le sue fantasie, e quelle parole ci seguono anche per tutto il film, troviamo le fantasie di una donna, le sue storie, le sue avventure sessuali, le sue pulsioni, i suoi sentimenti descritti in maniera precisa e sincera e mai volgare.
E troviamo anche gli uomini, Henry, volgare, spudorato, Hugo, elegante, e le donne June, ambigua e sensuale, e infine anais che lo spettatore segue per tutto il film come un suo amico, e scusate se è poco.
Al centro c'è ovviamente l'amore tra Anais, che lui chiama sempre Enys, per americanizzare il suo nome, poi c'è sua moglie June, una donna dal passato misterioso e dai gusti sessuali coloriti.
Un film da guardare senza aspettarsi troppo, solo per conoscere una storia d'amore tra due scrittori, che si confrontano e crescono insieme, e le persone che vivono loro accanto, l'arte, la poesia, l'erotismo, sono concentrati in un tuttuno, cosa molto rara in un film del genere.
In Henry e June non c'è solo sesso, forse ci sono anche degli stereotipi, ma se un film riesce a catturarti ha già carpito la buona strada per far centro sullo spettatore, daltronde il regista è lo stesso di L'insostenibile leggerezza dell'essere che è SI un capolavoro.
Voto: 6


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.