Passa ai contenuti principali

The Bay

Barry Levinson lo conosciamo tutti come regista, ha diretto alcuni dei più importanti film degli ultimi decenni, e ora si lancia nel mockumentary, grazie alla collaborazione di Oren Peli è uscito questo The Bay.
La scena si svolge il giorno dell'indipendenza americana in cui comincia l'epidemia, fino al giorno seguente dove si individua.
Lo scenario è apocalittico, ed è costruito in maniera intelligente e appropriata da un regista che sa come mettere in scena l'orrore e la distruzione, pur con evidenti difetti registici a livello tecnico, sono i contenuti quelli che eccellono nella esplicazione della storia.
Abbiamo di fronte un epidemia che causa vesciche dolorose in tutto il corpo, e vengono allertati i principali centri di malattie infettive americane, scoprendo che non si tratta di un virus, ma di un parassita che divora i corpi delle vittime che  assalta i corpi divorandoli completamente. Il virus si chiama Cymothoa Exigua che in situazioni normali sarebbe innoquo, per non parlare della industria di pollame che per far crescere più velocemente gli animali con mangimi chimici, che una espellati vanno nella baia causando una mutazione genetica di questo particolare parassita che è frutto dell'epidemia di cui parla questo sorprendente film.
Lo scenario è apocalittico e drammatico non c'è via di scampo, bisogna assolutamente correre a salvarsi, e chi viene infettato non ha alcuna speranza, c'è una soluzione al problema? Questo Levinson all'inizio non ce lo dice, ma ci fa assistere alla apocalisse costruendo il dramma scena dopo scena, raccontato dalla giornalista che in quel contesto è stata testimone e racconta i fatti per informare il mondo.
Il film poi va a ritroso, con la cronistoria di questo drammatico 4 luglio, i suoi superstiti, e le sue vittime, che rimarranno chiusi in quarantena quando le autorità chiuderanno la cittadina condannando alla malattia anche chi non è stato attaccato dal parassita.
Un parassita che mangia dal di dentro le sue vittime con dolori strazianti, e le autorità fanno si che distruggano le prove di questa pandemia, e riempono di cloro la baia in modo da eliminare il parassita, senza accorgersi che alcune prove sono riuscite a sfuggire dalla loro censura.
Un film con le contropalle lo devo dire, davvero girato bene, quando i Mockumentary sono fatti bene lo devo assolutamente dire, e questo è uno di essi, assolutamente da non perdere, se siete amanti del genere Mockumentary, o se non lo siete è un occasione in più per vedere cosa può fare un autore alle prese con un genere per lui insolito quale è il Mockumentary.
Voto: 7



Commenti

  1. Il mokumentary d'autore mancava e bisogna dire che Levinson si mangia tanti giovani colleghi. Poi uno dice che certi registi devono andare in pensione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.