Passa ai contenuti principali

Il seme della discordia

Un film curioso, questo di Pappi Corsicato, dalle chiarissime influenze Almodòvariane, si vedono gli abiti dai colori vivaci, e le scenografie sgargianti, questa volta l'omaggio è più che evidente, devo dire che non mi è dispiaciuto, anche se il soggetto si ispira a La Marchesa Von O, che è rimasta incinta proprio nel momento in cui il marito si è scoperto sterile, succede la stessa cosa anche alla protagonista di questo film e già questo non la rende certo una pellicola originalissima, il bello sta nella capacità del regista di costruire una tama pseudogialla, in cui la protagonista si mette alla ricerca di chi può essere il padre, e soprattutto cerca di capire cosa le sia successo.
Inevitabile la crisi con il marito Veronica - Caterina Murino - è la giovane proprietaria di un negozio di abbigliamento, sposata con Mario - Alessandro Gassman - rappresentante di fertilizzanti.
Questi due giovani sono continuamente vessati dalla madre di lei, che vuole un nipotino, allora  li convince a fare il test della fertilità, ma la giovane subisce uno scippo...cosa è successo a Veronica quella notte?
Pappi Corsicato costruisce un film intelligente, imbastendolo di scene ironiche, tenere, drammatiche e anche dolci, qui c'è tutto il suo amore per il grande Pedro e lo dichiara esplicitamente in ogni sequenza filmica, bella anche la colonna sonora, in cui è inclusa anche una vecchia canzone di Mina.
Pappi Corsicato è un regista interessante e coinvolgente, ho visto altri suoi due film, che presto verranno recensiti alla fabbrica, questo è il primo che ho visto e mi ha colpito molto soprattutto per come gli altri vedono Veronica, dalla madre invadente alle amiche, e infine anche il poliziotto innamorato di lei...è una commedia degli equivoci insolita e ironica, che riesce a fare sarcasmo senza risultare banale o volgare, e questo è un punto a suo favore.
Il regista poi sa come coinvolgere il suo pubblico, non a caso viene chiamato l'Almodòvar Italiano, anche se sinceramente Pappi strizza l'occhio e cita il maestro spagnolo dimostrando la sua ammirazione, in questo film la citazione è esplicita e spudorata diciamo.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.