Passa ai contenuti principali

La custode di mia sorella

A vederlo sembra il solito film strappalacrime, fatto e costruito apposta per permettere alle spettatrici di consumare la solita confezione di cleenex, invece poi ti accorgi che è un film fatto molto bene.
Al centro della storia c'è una famiglia, la cui figlia maggiore è malata terminale di cancro, l'unica soluzione sarebbe un trapianto di reni, ma c'è anche un altra sorella, che è stata messa al mondo per donare i tessuti alla sorella, fino a quando decide che è arrivato il tempo di prendersi il suo corpo e smettere di essere usata come un oggetto.
A prima vista potrebbe sembrare un capriccio, ma si tratta di un accordo che le due sorelle hanno fatto in comune accordo, grazie all'idea della sorella maggiore...ma per quale motivo?
Per saperlo vi conviene guardare il film, e tenete in considerazione anche l'avvocato che la ragazzina assume per la sua difesa per ottenere l'emancipazione dai genitori...
Un film molto toccante ma anche duro, che sottolinea i limiti che alcuni genitori dovrebbero imporsi, anche  per buone ragioni nell'uso del corpo dei propri figli, per quanto sia egoistico è giusto capire che certe volte i genitori dovrebbero porsi dei limiti nei loro diritti, perchè pur riconoscendo che potrebbe essere d'aiuto alla sorella - che a proposito ha dei limiti anche lei come vedrete verso il finale - è giusto riconoscerla anche come figlia, pur sapendo che non è stata messa al mondo perchè voluta ma per aiutare la sorella, è giusto avvolte capire che una persona, per quanto abbia tutta la buona volontà di donare i tessuti, ci deve essere anche del limite soprattutto quando ormai le speranze sono più lontane che vicine.
Un film molto toccante, con un cast di attori di tutto rispetto, che vale la pena guardare per riflettere sulla natura umana, sull'amore, e sui limiti che ogni individuo deve saper porsi, anche se potrebbe risultare drammatico o egoistico, in realtà la ragazzina chiede soltanto la libertà di poter gestire il suo corpo senza più
essere vittima di inutili operazioni o esperimenti per aiutare la sorella malata.
Il centro del film è proprio il rapporto tra queste due sorelle, la maggiore si rende conto che non è giusto fare soffrire la sorella, e le da lei l'idea di liberarsi da tutto questo.
Un film da non perdere.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.