Passa ai contenuti principali

Shindler's List - La lista di Shindler

Cosa si può dire di questo film? Capolavoro? Opera maiuscola? Pietra Miliare?
Qualsiasi parola non credo sia adatta per descrivere questo grandissimo film che è SI  un capolavoro, ma per me è un opera che va oltre il tempo e la storia, non perchè parla dell'olocausto, ma perchè ogni volta che la si guarda ti da una sensazione di tristezza e di strazio come nessuna pellicola ti ha mai dato.
Ci sono emozioni contrastanti riguardo a questo grandissimo film, e Spielberg che diciamolo subito è ebreo praticante, racconta la storia del suo popolo con straziante sincerità, e la storia di un uomo Shindler, che sfidando il nazismo ha corrotto politici e funzionari per liberare gli ebrei e farli lavorare nella sua fabbrica, ovviamente non ha mai detto che li liberava, ma comprando i funzionari del reich per portarli nella sua fabbrica a lavorare; era questa la motivazione con cui ha tolto molti ebrei dalle grinfie del nazismo.
E così che Spielberg rende omaggio al suo popolo, con una storia che parla di un giusto, che sfidando le regole imposte ha salvato la vita di migliaia di ebrei, o meglio dire persone, che rischiavano di morire per il loro credo religioso, perchè erano considerati inferiori rispetto alla razza ariana.
Ed è proprio questa figura di Shindler, che usa la sua posizione per poter fare qualcosa di discutibile, - corrompere non è mai una cosa giusta, ma quando si fa per una  buona causa allora si può comprendere. - ma per salvare vite umane si fa questo e altro, e c'è una scena in particolare dove lui guarda una macchina e dice al suo assistente potevo salvare dieci persone, e poi guarda una spilla, e dice per questa spilla ne potevo salvare almeno due, e scoppia a piangere, quella è la mia scena preferita, perchè dimostra che il denaro rispetto a una vita umana ha poco valore e il suo assistente gli dice grazie a lei ci saranno altre generazioni di ebrei, e lo consolano, prima che la polizia lo venga ad arrestare perchè è iscritto al partito nazista, non prima che tutti gli ebrei hanno scritto una lettera in suo favore per farlo liberare.
Ci sono dei grandissimi attori in questo film, Ben Kingsley è l'assistente di Shindler, Ralph Fiennes è l'ufficiale nazista che si diverte a sparare agli ebrei con il fucile, e si mette in casa una ragazza ebrea che picchia senza pietà, alla fine sappiamo tutti che fine farà...almeno chi ha visto il film.
Un film indimenticabile, che rimane dentro il cuore e ti cambia per sempre.
Voto: 10
Stavolta gli do il massimo, se lo merita.





Commenti

  1. Ero troppo piccola quando l'ho visto, non ero pronta. Dovrei rivederlo per poterlo apprezzare!

    RispondiElimina
  2. bellissimo e struggente con scene che ti restano dentro.
    Tra i migliori film del grande Spielberg, grandissimo cineasta che negli ultimi anni viene un po troppo criticato perchè considerato buonista/retorico, alcuni suoi films lo sono, ma nel complesso è uno che ha regalato dei capolavori intramontabili, secondo me meriterebbe un po più di rispetto

    RispondiElimina
  3. Questo mi é piaciuto per davvero, anche io probabilmente gli darei un 8,5 :)

    RispondiElimina
  4. Molti criticano e maltrattano questo film. Il resto del mondo lo esalta. Per me è un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me, non a caso gli ho dato il massimo dei voti ^_^

      Elimina
  5. beh questo a regola non è molto criticato, semmai più Salvate il soldato Ryan (x me il secondo miglior Spielberg dopo Lo Squalo) è criticato perchè secondo alcuni è retorico e pro-guerra, si certo come no, hanno capito tutto, se c'è un film CONTRO l'orrore della guerra questi è proprio Ryan

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.