Passa ai contenuti principali

Dementia 13 - Terrore della 13a ora

Dementia 13 può essere considerato come il primo, vero film di Francis Ford Coppola, si tratta di un piccolo film, prodotto da Roger Corman ma che lascia il segno.
Certo si tratta di un regista alle prime armi, ma già si nota il suo tocco per il mistero, e soprattutto per riuscire a smascherare segreti e bugie di un delitto commesso tanti anni prima, vittima è stata una bambina, figlia di una famiglia altolocata, dietro questo delitto c'è lo spirito della bambina cerca di svelare il mistero sulla sua fine, e di far pagare la sua morte a chi gliela ha tolta.
Sembra incredibile che questo film abbia 50 anni, non dura molto, soltanto 75 minuti, eppure la tensione è palpabile, dall'inizio alla fine, e non lascia mai lo spettatore che viene risucchiato nella storia, sin dall'inizio dove accade il primo omicidio, la moglie poi va a trovare la famiglia di lui, e lì ne succedono di altre, nulla è lasciato al caso, Francis Ford Coppola, pur essendo giovanissimo - aveva 24 anni quando ha girato il film - sa cosa vuole dare al pubblico, e non lesina assolutamente nulla, capisce come dosare e cosa far vedere, costruisce una trama labirintica in cui lo spettatore, in pochi minuti cerca di indovinare qualcosa, ma allo stesso tempo usa espedienti ingegnosi, onde divertirsi con lo spettatore che nel frattempo si scervella per sbrogliare l'intricata matassa.
E devo dirlo, non sbava mai la trama, oggi nessun regista è capace di tenere alta l'attenzione del pubblico come fa lui, e devo dire che questo film è un cultissimo assoluto, da non perdere se amate i piccoli film, e soprattutto se amate quel grandissmo genio di Francis.
Coppola è cresciuto alla scuola di Roger Corman e si vede, questo film pur essendo piccolissimo - si tratta di un prodotto a basso costo - ha il pregio di non essere banale o superficiale, e sa creare un intricata e labirintica trama, ricca di colpi di scena che sono astutamente studiati e messi alla perfezione.
Promosso a pieni voti.
Voto: 7








Commenti

  1. visto un paio d'anni fa, mi è piaciuto molto, misurato, senza effetti speciali, con una sceneggiatura solida.
    un ottimo inizio, direi

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.