Passa ai contenuti principali

The Double

Una Spy Story intrigante che ha un solo limite, quello di scoprire le carte in tavola troppo presto, sbrogliando la matassa e disfando il gioco.
Una cosa del genere va bene per un regista navigato, o per colui che sa tenere i fili della trama, e l'attenzione alta della storia.
Il film è tutto un susseguirsi di situazioni che nelle mani di un regista più abile sarebbe stato un filmone, invece Michael Brandt, dimostra presunzione sin dalla sua opera prima.
Si ecco spiegato il perchè, innanzitutto doveva dosare il tutto per sottolineare meglio le possibilità di una pellicola esplosiva, lui invece giocando a fare il grande regista, ha dimostrato soltanto di non apprendere le tantissime potenzialità di una pellicola che si sgonfia troppo presto.
Niente da dire nella recitazione dei due protagonisti, Richard Gere anzi è quello che tiene maggiormente alta l'attenzione, ma in un film la recitazione non basta per farlo decollare, è un fondamento importante per la buona riuscita di un film, ma senza una valida e credibile regia si sgonfia tutto in pochi secondi, si perchè lo spettatore dopo 30 minuti di film sa chi è Cassio, ma il protagonista del film no.
Il problema è che c'è troppa carne al fuoco, troppi colpi di scena, e poco appeal tra i personaggi, il giovane Topher Grace non riesce a tenere testa al più navigato Richard Gere il cui film si regge tutto sulle sue spalle, ma questo è molto poco per un film del genere.
Il problema principale è tutto l'ambaradan, una regia praticamente assente, una sceneggiatura che fa il verso a se stessa, poco credibile che fa sgonfiare praticamente il film sul più bello, se il tutto sarebbe stato dosato nella maniera giusta sarebbe stato un grande film. Peccato.
Voto: 3


Commenti

  1. A me è piaciuto, è vero, il colpo di scena arriva troppo presto e quindi si perde quel senso di mistero, però trovo che questo film sia girato piuttosto bene, che il cast sia in forma e che quindi, complessivamente faccia il suo dovere :-)

    Per me promosso

    RispondiElimina
  2. Ahah molto cattiva, io fui per il 5 :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.