Passa ai contenuti principali

Grandi Speranze

E siamo alla ennesima versione del classico di Charles Dickens, che a differenza della versione di Alfonso Cuaròn, rispetta l'ambientazione ottocentesca, ma dobbiamo dirlo, sembra un romanzetto privo di pathos in cui la noia fa capolino dietro l'angolo.
Colpa di un film molto lungo che toglie ogni coinvolgimento, forse per rispettare la versione letteraria, eppure ci manca qualcosa in questo film, che ha moltissime potenzialità che non sviluppa in tutto e per tutto, in poche parole questo film potrebbe essere un capolavoro, ma il regista non si è impegnato a far si che lo diventi.
Un film può essere rivisto e rivalutato, chi lo sa magari un giorno lo rivedo  e il mio parere cambierà, ma adesso mi sento il dovere di fare una schietta analisi riguardo a un film il cui maggiore difetto sta proprio nella costruzione drammatica, che dovrebbe sfociare al suo massimo livello per essere un grandissimo film.
Perchè il regista non lo fa? Semplicemente perchè il film o non è sentito, oppure è costruito dalla casa cinematografica per poter ambire al premio oscar, o semplicemente è la visione del regista che non va...può essere tutto, come può essere niente...ma per ora si opta per la seconda.
Ovviamente non prendetemi alla lettera, il film ha i suoi limiti c'è poco da fare, quando un film non decolla non ci vuole molto a capirlo, allora cosa si salva di questo film?
Intanto la recitazione di due grandi attori come Ralph Fiennes - sorprendente come sempre - e Helena Bonham Carter che da soli sono come i classici Jolly in cui il film si regge, la regia è praticamente assente, il plot non è male, ma si poteva fare molto di più, è come se chi ha voluto fare questa nuova versione non abbia voluto sporcarsi le mani e osare, peccato...il film ne avrebbe guadagnato moltissimo, soprattutto per qualità.
E' come se chi ha voluto scrivere o fare questo film abbia gettato la pietra e poi si sia ritirato molto presto, perchè? I film si devono fare bene, soprattutto quelli tratti da grandi classici della letteratura, non si dovrebbe far cinema solo per soldi, ma per passione o per senso artistico, ma tu vallo a dire ai registi e alle case cinematografiche, quelli fanno film soltanto per soldi, ed è un peccato perchè avvolte è meglio fare un film buono, che fare un film costruito...Il successo è solo qualcosa che non ha niente a che fare con il lato artistico di un opera cinematografica o con il tempo.
Voto: 5


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.