Passa ai contenuti principali

La Fredda luce del giorno

Un action che somiglia un po' a un puzzle da ricostruire, una famiglia che sparisce dopo che il figlio più grande si allontana, e dei segreti che non vedono l'ora di vedere la luce, in poche parole è questa la trama di la fredda luce del giorno, un film che nonostante le critiche negative che ho letto, mi ha lasciata piacevolmente sorpresa.
Nulla è come appare e la bomba che esplode è talmente incredibile, che il figlio deve capire esattamente di cosa si tratta...
tutto questo è stato organizzato per riavere una misteriosa valigetta contenente materiale pericoloso, ma di mezzo ci sono diverse identità del padre, una figlia sconosciuta e via dicendo.
Ci sono pure i servizi segreti che si scontrano con il ragazzo alla ricerca del padre che effettivamene hanno trovato e ora tengono in ostaggio la famiglia in cambio della valigetta...riuscirà il nostro eroe a liberare la famiglia e a sconfiggere i servizi segreti smascherando suo padre?
Un film la cui trama non è molto originale, e certamente non aggiunge molto al genere action, ma regala tensione, coinvolgimento ed empatia; nonostante ciò dobbiamo pur capire che si tratta di un film di intrattenimento fatto abbastanza bene, ma che non è certo un capolavoro.
Il regista - dal nome impronunciabile - sa costruire una trama fluida e accattivante, tenendo alta l'attenzione dall'inizio alla fine, l'empatia è quella che ci perde un po' ma tutto sommato per un film che si può vedere davanti a un pacchetto di popcorn, non si può pretendere molto.
Gli attori sono il principale problema di questo film, Sigourney Weaver sembra che faccia una apparizione amichevole, poco credibile nel ruolo di cattiva, lo stesso protagonista non incarna la figura dell'eroe senza macchia e paura tipico del genere action, Bruce Willis fa il verso a se stesso e al personaggio che lo ha reso famoso, quel John McClean di Die Hard, tanto per intenderci.
Un film che non va oltre la sufficienza.
Voto: 6


Commenti

  1. Voto 0 per me.. Bruce lo si vede 5 minuti, è l'ombra di se stesso in questo film. Un cast inaccettabile. Quando cauterizzano la ferita in discoteca toccano proprio il fondo.
    Non ci siamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film non è male, ma come si dice de gustibus, si il problema principale sono gli attori ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.