Passa ai contenuti principali

Il disprezzo - di Jean-Luc Godard

IL DISPREZZO
Trama
Paul e Camille, sono una coppia sposata, vivono a Roma e Paul ha accettato di sceneggiare l'Odissea l'ultimo film di Frizt Lang, lui accetta qualsiasi compromesso per avere una bella casa, dare alla moglie tutto ciò che desidera, qualsiasi cosa, Il produttore del film quando vede Camille inizia a fare delle avance alla donna e il marito accetta tutto quanto pur di avere il benessere e la stabilità economica ma questo comprometterà il loro rapporto facendo maturare in camille il disprezzo verso suo marito...
COMMENTO
Se l'anno scorso c'è stato Jules e Jim a farmi innamorare della nouvelle vague e soprattutto di François Truffaut, quest'anno è l'anno di Le Mépris il disprezzo di Jean-Luc Godard ad avermi colpito ed emozionato.Il film è un analisi astuta del rapporto di coppia, fino a quando ci possiamo spingere per la persona amata per donarle tutto quanto desidera? Siamo sicuri che le azioni che facciamo siano giuste e che anche lei desidera quello che vogliamo darle noi?Il film tratto dal romanzo di Alberto moravia e musicato dalle struggenti note di George Delerue che ti fanno commuovere per tutta la durata del film e accompagnano lo spettatore verso questo dramma che analizza con spietata lucidità il materialismo che ha Paul verso tutto ciò che desidera per lui e per la moglie sottovalutando i sentimenti e le cose che lei realmente desidera infatti in una scena lei diceva che vivevano meglio ed erano felici quando lui era solo uno scrittore anche se non c'era il benessere che lui stava inseguendo forsennatamente.Ed è proprio questo che rovinerà inesorabilmente il loro rapporto.Camille non sopporta le avance del produttore e piano piano si allontana dal marito, lo fa in silenzio soffrendo di dentro, mentre guardavo il film credevo che prima o poi piano piano si sarebbe ribellata a quella situazione ma Godard all'inizio non lo fa capire allo spettatore, succede di colpo come un colpo di scena che ti spiazza e che ti commuove il drammatico confronto tra i due avviene prima di andare a Capri e lei finalmente glielo dice in faccia che lo disprezza, ed è proprio a Capri che il rapporto finisce.Il Disprezzo è un dramma esistenziale sui desideri e le aspirazioni degli individui ma è anche un analisi sui sentimenti del raporto di coppia; Camille fa esprimere i suoi sentimenti per tutta la durata del film mentre il marito pensa solamente alla sceneggiatura e ai soldi che servono per pagare la loro bella casa, usa sua moglie come strumento per arrivare dove vuole arrivare.La mia scena preferita è all'inizio, tra poco inserisco il filmato quando Paul e Camille sono a letto e parlano di ciò che lui ama di lei.Il Disprezzo è un capolavoro assoluto vedetevelo, sono sicura che vi conquisterà così come ha conquistato me, grandissima Brigitte Bardot e soprattutto Michel Piccoli.NOTA: un consiglio vedetevi la versione originale con i sottotitoli in italiano, evitate la versione italiana che ha un montaggio diverso colori diversi la musica di George Delerue è stata sostituita da musica Jazz, la versione italiana inoltre è stata censurata.


Commenti

  1. come si fa a commentare un film così? Si può solo rimanere abbagliati dalla quantità di emozioni che suscita, e si può continuare a sognare riascoltando la colonna sonora di Georges Delerue.

    RispondiElimina
  2. hehe in effetti il mio non era un commento semplice ho espresso le mie emozioni e le sensazioni che la pellicola mi da faccio così con tutti i films che recensisco

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…