sabato 30 agosto 2008

Il disprezzo - di Jean-Luc Godard

IL DISPREZZO
Trama
Paul e Camille, sono una coppia sposata, vivono a Roma e Paul ha accettato di sceneggiare l'Odissea l'ultimo film di Frizt Lang, lui accetta qualsiasi compromesso per avere una bella casa, dare alla moglie tutto ciò che desidera, qualsiasi cosa, Il produttore del film quando vede Camille inizia a fare delle avance alla donna e il marito accetta tutto quanto pur di avere il benessere e la stabilità economica ma questo comprometterà il loro rapporto facendo maturare in camille il disprezzo verso suo marito...
COMMENTO
Se l'anno scorso c'è stato Jules e Jim a farmi innamorare della nouvelle vague e soprattutto di François Truffaut, quest'anno è l'anno di Le Mépris il disprezzo di Jean-Luc Godard ad avermi colpito ed emozionato.Il film è un analisi astuta del rapporto di coppia, fino a quando ci possiamo spingere per la persona amata per donarle tutto quanto desidera? Siamo sicuri che le azioni che facciamo siano giuste e che anche lei desidera quello che vogliamo darle noi?Il film tratto dal romanzo di Alberto moravia e musicato dalle struggenti note di George Delerue che ti fanno commuovere per tutta la durata del film e accompagnano lo spettatore verso questo dramma che analizza con spietata lucidità il materialismo che ha Paul verso tutto ciò che desidera per lui e per la moglie sottovalutando i sentimenti e le cose che lei realmente desidera infatti in una scena lei diceva che vivevano meglio ed erano felici quando lui era solo uno scrittore anche se non c'era il benessere che lui stava inseguendo forsennatamente.Ed è proprio questo che rovinerà inesorabilmente il loro rapporto.Camille non sopporta le avance del produttore e piano piano si allontana dal marito, lo fa in silenzio soffrendo di dentro, mentre guardavo il film credevo che prima o poi piano piano si sarebbe ribellata a quella situazione ma Godard all'inizio non lo fa capire allo spettatore, succede di colpo come un colpo di scena che ti spiazza e che ti commuove il drammatico confronto tra i due avviene prima di andare a Capri e lei finalmente glielo dice in faccia che lo disprezza, ed è proprio a Capri che il rapporto finisce.Il Disprezzo è un dramma esistenziale sui desideri e le aspirazioni degli individui ma è anche un analisi sui sentimenti del raporto di coppia; Camille fa esprimere i suoi sentimenti per tutta la durata del film mentre il marito pensa solamente alla sceneggiatura e ai soldi che servono per pagare la loro bella casa, usa sua moglie come strumento per arrivare dove vuole arrivare.La mia scena preferita è all'inizio, tra poco inserisco il filmato quando Paul e Camille sono a letto e parlano di ciò che lui ama di lei.Il Disprezzo è un capolavoro assoluto vedetevelo, sono sicura che vi conquisterà così come ha conquistato me, grandissima Brigitte Bardot e soprattutto Michel Piccoli.NOTA: un consiglio vedetevi la versione originale con i sottotitoli in italiano, evitate la versione italiana che ha un montaggio diverso colori diversi la musica di George Delerue è stata sostituita da musica Jazz, la versione italiana inoltre è stata censurata.


2 commenti:

  1. come si fa a commentare un film così? Si può solo rimanere abbagliati dalla quantità di emozioni che suscita, e si può continuare a sognare riascoltando la colonna sonora di Georges Delerue.

    RispondiElimina
  2. hehe in effetti il mio non era un commento semplice ho espresso le mie emozioni e le sensazioni che la pellicola mi da faccio così con tutti i films che recensisco

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...