Passa ai contenuti principali

Fanny e Alexander - di Ingmar Bergman


Fanny e Alexander è il film più autobiografico diretto da Ingmar Bergman ed è anche l’ultima pellicola da lui diretta prima del suo ritiro.E’ un film che mi ha messa completamente a nudo, ho rivisto la mia vita e mi sono ritrovata nella sofferenza di Alexander e della sua sorellina Fanny due bambini che hanno perso il padre che era proprietario di un teatro dopo questa grave perdita la madre decide di risposarsi con il vescovo Vergerus un uomo tirannico e crudele che sottopone i piccoli a una crudele disciplina se non rispettano le sue regole e come punizione così i piccoli dovranno abbandonare la loro casa confortante e piena di giochi per adattarsi alla rigidità e alla severità della canonica di Vergerus.Alexander non ha più il suo teatrino di marionette dove può sfogare la sua fantasia, non esistono più i sogni e non esiste la magia…Bergman è molto bravo a disegnare i protagonisti e la loro psicologia, infatti vediamo che con questa esperienza Alexander si pone interrogativi sulla vita sull’amore, il fantasma del padre gli sta sempre accanto (ecco qui la figura del padre è semplicemente il padre che Ingmar avrebbe voluto avere e non solo Ingmar quando ho visto il film quella figura mi ispirava tenerezza e amore quell’amore che mi ha messa a nudo identificandomi in Alexander) osservando in silenzio quasi a confortarli e a sostenerli durante la loro permanenza nella canonica, nella bellissima scena iniziale del natale si vede la gioia della famiglia eckdhal proprietari di un teatro sono artisti, eccentrici, docili felici e romantici, eccentrici e lunatici, c’è il girotondo c’è allegria, poi l’arrivo della morte rende tutti malinconici tristi la vita non è più la stessa ma solo in apparenza.Ci sono molti significati in questo film, ho rivisto la mia infansia la mia tristezza ho rivisto la mia vita il mio rifugio nella fantasia, ci sono misteri, ci sono fantasmi c’è la sofferenza, la magia, la religione, la morte, la vita e la rinascita.La figura della nonna vera e propria matriarca è per i piccoli come una chioccia, li salva lei dalle grinfie di Vergerus per farli ritornare a casa nel rifugio confortante dove solo lì potranno rinascere i sogni.Un film commovente e bellissimo dove ognuno se vuole può rivedere il bambino che un tempo era a me è capitato e la stessa cosa potrà capitare anche a voi lasciatevi guidare dalla fantasia non temete che l’amore di chi ha lasciato questa terra non finisce gli spiriti restano per consolare chi resta a questo mondo proprio come è successo ad Alexander.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.