Passa ai contenuti principali

Mulholland Drive - di David Lynch

Mulholland Drive
TramaUna donna a seguito di un incidente perde la memoria e vaga per Los Angeles senza meta.
Si ferma in una abitazione e a trovarla c'è una ragazza bionda Betty, che è arrivata a Los Angeles per iniziare la sua carriera d'attrice...Insieme cercano di scoprire l'oscuro passato della donna che non ricorda nemmeno il suo nome...così vedendo il manifesto di gilda si da il nome di Rita...

COMMENTO
Mulholland Drive è forse il miglior film diretto da David Lynch che con questo film parla di un amore, un amore desiderato e sofferto.
Betty/Diane è il miglior personaggio che Lynch ha creato e non poteva che essere interpretato da una grandissima interprete quale è Naomi Watts.
Iniziamo subito col dire che Mulholland Drive è una straordinaria metafora sul cinema passato e che Lynch fosse un grande cinefilo in questo film lo dimostra pienamente, ci sono diverse citazioni come quella di viale del tramonto e la scena in cui Betty entra alla casa di produzione cinematografica per svolgere il suo provino lo dimostra pienamente.
Oltre la nostalgia del vecchio cinema Lynch fa una astuta critica sul mondo del cinema e sui mezzi che si usano per trovare la celebrità.
Il film non doveva essere un lungmetraggio, era stato prodotto per essere una serie tv sull'onda del successo mondiale di Twin Peaks che poi la ABC ha rifiutato ritenendo il prodotto incomprensibile, e facendo questo ci ha dato la possibilità (grazie ad alain Sarde) di presentarlo a Cannes vincendo anche il premio per la migliore regia:
Mulholland Drive è un capolavoro senzaa alcun dubbio, oltre che l'amore per il cinema è una straordinaria storia d'amore tra due donne (Naomi Watts e Laura Elena Harring) e sembra che questo amore si svolge dentro un sogno o un teatro quindi lo straordinario gioco di Lynch tra finzione e realtà è un colpo di genio, c'è il desiderio che la persona che amiamo ricambi il nostro amore, c'è rabbia, c'è gelosia, e Lynch è bravissimo nel disegnare la psicologia di Betty/Diane e di fare provare allo spettatore esattamente quello che prova lei.
Il film è diviso in due parti, (c'è anche chi dice che è diviso in tre parti grazie alla scena del Club Silencio condivido in pieno questa tesi)
La prima è quella del sogno in cui Rita ha l'incidente e incontra Betty e cerca di costruire una visione d'amore che vorrebbe e anche una visione di ciò che lei desidera essere...ovvero una star e un attrice famosissima e richiesta, c'è tutto l'odio di Betty verso Adam Kesher che nella seconda parte capiamo che sta con l'oggetto del suo desiderio nel sogno lo vediamo in bolletta e nei casini nella seconda parte è il regista che ha fatto di Rita/Camilla una star ed è anche il suo ragazzo...
La catarsi arriva nella bellissima scena al Club Silencio dove Rebecha Del Rio canta Llorando e le due protagoniste piangono perchè si accorgono che il sogno è finito...

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.