Passa ai contenuti principali

La mia droga di chiama Julie - di François Truffaut

LA MIA DROGA SI CHIAMA JULIE
Trama
Louis Mahae, un proprietario della fabrica di tabacco , tramite la corrispondenza accetta di sposare Julie, una donna di cui non conosce nulla.Appena la vede è colpo di fulmine, la sposa, la coppia va a vivere insieme, tutto sembra andare per il verso giusto il marito le affida i suoi averi e i suoi soldi e lei scappa con tutto il malloppo, lui la rintraccia tramite un investigatore privato e scopre che lavora in un locale notturno...ma nonostante ciò le perdona tutto e i due ritornano insieme...ma c'è l'ombra di un omicidio...


COMMENTO
Truffaut, presenta un noir dei sentimenti, offre il ritratto di un uomo e dell'amore che prova per una donna che lo sfrutta e lo usa solo per denaro.Dopo la sposa in nero, presenta un altra prova molto vicina all'amato Hitchcock e di gran lunga superiore al remake con Angelina Jolie e Antonio Banderas, in questo film non sono le scene hot a conquistare il pubblico, ma i sentimenti contrastanti di amore e odio e la crudeltà con cui l'amore mostra la sua vera faccia una volta tolta la maschera.Menzione speciale a Jean Paul Belmondo e alla Deneuve qui nel ruolo di una dark lady dal volto angelico e ipnotico.Ma chi è la vera Julie? C'è stato un omicidio?Non appena Louis scopre la vera identità della donna che ha sposato cerca con rabbia di ucciderla ma lei con un racconto gli fa cambiare idea e subito quei sentimenti riemergono ma il detective si mette sulle sue tracce.Il film tratto da Waltz into Darkness di Cornell Woolrich è una analisi di come un uomo possa provare dei sentimenti distruttivi verso un oggetto d'amore che ha le sembianze sensuali di Catherine Deneuve una vera sirena come dice il titolo originale del film...Il detective si mette sulle loro tracce e trasforma Louis in un assassino.Dopo la fuga lei capisce veramente di amare Louise non prima di cominciare ad avvelenarlo con il veleno per topi...Ma quanto si è disposti a perdonare e ad amare una persona che ci vive accanto?


Commenti

  1. uno dei film più belli e veri sull'amore.

    RispondiElimina
  2. verissimo non posso che quotarti in pieno :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.