Passa ai contenuti principali

Baci Rubati

L'inizio del film con la sigla, che volutamente non fa il giro di parigi come con I Quattrocento colpi primo film della serie, di cui questo sembrerebbe il secondo capitolo della saga di Antoine Doinel, ma non lo è,  il secondo capitolo, è l'episodio Antoine e Colette del film l'amore a vent'anni, che presto ne parlerò, in questo capitolo si tralascia l'aspetto drammatico de I Quattrocento colpi per una storia un po' più leggera, ma non di certo meno intrigante del precedente, è una storia apparte, che mostra il lato maturo di Antoine, priva della rabbia che si ha quando si è ragazzini, ancora che non conoscono il mondo attorno a loro. Protagonista l'attore feticcio di Truffaut, Jean Piere Leud, il protagonista del film citato prima, è insieme l'immagine cinematografica di Truffaut, che nella saga di Doinel, ha raccontato un po' se stesso distaccandosene sempre, ma andiamo al film, Baci rubati racconta il rito di passaggio di Antoine, da adolescente a persona adulta, ma oltre il rito di passaggio racconta di un educazione sentimentale, Antoine è alla ricerca della persona giusta per lui, attraverso una serie di esperienze prima allucinanti, poi buffe, che lo portano ad essere attratto da donne improbabili, quanto lontane da lui, prima si rimette in contatto con la famiglia di Colette, scoprendo che esce con un altro ragazzo, non prima di essere stato congedato dal servizio militare per instabilità di carattere - cosa successa realmente a Truffaut - così inizia anche la ricerca di un buon impiego, che lo porta prima ad accettare il lavoro di un guardiano notturno, che perde a causa di un uomo che scopre che la moglie lo tradisce, e poi ad accettare di fare il detective privato e di essere assunto sotto copertura dallo stesso uomo per il quale ha perso il lavoro come portiere, così accetta e come primo incarico accetta di aiutare un uomo che ha dei sospetti che la moglie lo tradisca e  si fa assumere in un negozio di calzature.  Inutile dire che scatterà l'attrazione fatale tra i due non è vero, la signora matura avrà un effetto prepotente su Doinel, effetto che fortunatamente non durerà molto, perchè lui ha un amica speciale, Christine Darbon, che praticamente gli sta al fianco da una vita intera, e nonostante le avventure, e gli incontri amorosi con varie donne e ragazze sarà proprio lei a conquistare il suo cuore, e la canzone di Trenet Que rest et il de nous amour fa da sfondo sia all'inizio che alla fine, Antoine ha trovato la strada per il suo cuore, che lo porta dritto accanto a Christine, l'amica di sempre, l'anima gemella, ma i giochi sono aperti e come vedremo nei capitoli successivi ci saranno tante sorprese.
Truffaut ormai autore maturo, con questo film mette in luce l'aspetto più solare della vita di Antoine, in una commedia leggerissima, capace di coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine, è un film romantico e come tale va preso, ha il pregio di una leggerezza sorprendente, caratterizzata da una regia attenta e accattivante, e dalla recitazione di un cast di attori affiatato.
CAPOLAVORO


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…