Passa ai contenuti principali

The Final Cut

Continua l'interpretazione di Robin Williams verso ruoli adulti e da adulto cominciata con il bellissimo Insomnia diretto da Christopher Nolan e One Hour Photo di Mark Romanek, questa volta interpreta un film di fantascienza in cui racconta che in un futuro prossimo ad ogni essere umano verrà impiantato un chip dove verrà registrata tutta la vita, che però verrà estratto al momento della morte e fatto vedere ai familiari, ma questa cosa la fanno solo le persone ricche, gente coi soldi che può pagare fior di quattrini i montatori intervengono mer rimontare il filmino della vita, e tra questi montatori ce ne è uno che è inconsapevole di avere il chip, e che da anni vive con il rimorso di aver ucciso il suo amichetto quando era un bambino, quando si accorgerà di aver impiantato il chip si ritira e cercherà la verità sulla scomparsa del suo amico che crede di aver ucciso, riuscirà a scoprire la verità? Un film affascinante, che mischia con disinvoltura il mistero alla fantascienza, con la follia di una vita eternamente controllata da un grande fratello, che segue le tue gesta passo dopo passo, facendoti credere in una libertà che è un utopia, diretto con grande stile da Omar Naim, regista di cui non ho mai sentito parlare, ma che si rivela interessante, Alan W Hakman (Robin Williams) dovrà fare i conti anche con una banda di ribelli che fa credere di essere contro questa invenzione, ma che a conti fatti, vogliono usarla anche loro per i loro scopi, bravissimi tutti gli interpreti compresa Mira Sorvino, attrice che lavora solo in opere indipendenti ma che meriterebbe maggiore attenzione e prolificità perchè è davvero brava, tra le migliori scene quella in cui Delila (Sorvino) scopre il lavoro che fa Alan e vuole essere libera dal controllo del chip, finendo per lasciarlo.
Un film che si ispira moltissimo alle opere di fantascienza di Philip k Dick, che esplora in un futuro prossimo la possibilità che ogni essere umano sia legato a una grande telecamera, facendogli credere di vivere in una libertà fittizzia, realtà quanto mai inquietante e sconvolgente.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. quato m'interessa, prima o poi devo vederlo.

    RispondiElimina
  2. Ciao Robertino, si è bello, non te lo fare scappare ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.