Passa ai contenuti principali

Il Cacciatore di aquiloni

Questa è la storia di due amici, Amir e Hassan che sono cresciuti insieme, e giocavano a cacciare gli aquiloni, e questo gioco consiste nel rincorrere un aquilone e tagliare la corda per farlo volare via con il tuo aquilone, ma le loro strade si sono divise, per via dell'invasione russa in pakistan, e anche per via di un gruppo di ragazzi razzisti che prima li minacciano e Hassan li fa scappare brandendo la sua fionda, questi qualche giorno dopo si vendicheranno del gesto del ragazzo aggredendo e violentando Hassan, Amir, che ha assistito a tutto, per ingenuità e per paura allontana Hassan, qui le loro vite prendono direzioni diverse, Amir vola con suo padre per gli stati uniti, diventa uno scrittore di successo e si sposa, fino a quando non scopre che Hassan in realtà era suo fratello e che è morto grazie a una telefonata, viene a scoprire che Hassan in realtà era suo fratello e che è morto e  ha avuto un figlio, così ritorna a Kabul e si mette alla ricerca del ragazzo, non sarà un impresa facile, perchè c'è la guerra, e trovare il ragazzo è quasi come cercare un ago in un pagliaio, ma grazie ad una coincidenza in cui il ragazzo brande una fionda, proprio come fece suo padre anni prima, vedendo questo sente che c'è un legame con il ragazzo che gli conferma di essere il figlio di Hassan, e cerca in tutti i modi di farlo uscire da Kabul, ci riuscirà e sarà una nuova vita per il giovane riuscendo a fare quello che non ha fatto con Hassan, facendo pace con il suo passato e con la sua vita.
Lo devo dire, è un film immenso, Marc Forster con la sua regia non cerca un colpevole o un innocente, semplicemente racconta la sua storia entrando in sintonia con i suoi personaggi e per essere un film tratto da un romanzo è già qualcosa di eccezzionale, non sono tutti i film tratti da un romanzo a risultare coinvolgenti e tenerti incollato alla poltrona dall'inizio alla fine riuscendo a creare empatia con lo spettatore.
Un piccolo grande film che riesce ad essere allo stesso tempo toccante e commovente, Marc forster riesce appieno a succhiare lo spirito del romanzo dando emozioni facendo colpo sullo spettatore, è impossibile non provare simpatia per quei bambini che si affacciano alla vita, è impossibile non provare dolore quando si separano e le loro strade si dividono, è impossibile inoltre non provare tenerezza quando Amir  ormai adulto si rende conto che è stato uno sbaglio allontanare Hassan, e nella scena finale quando ritorna ad essere un cacciatore di aquiloni fa pace con la sua vita e con Hassan, anche se non c'è più prendendo a casa sua suo figlio anche contro il parere del suocero e contro tutti i pregiudizi.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

  1. bello il libro e bello il film, anche secondo me

    RispondiElimina
  2. si è stupendo il film, il libro non l'ho letto ma rimedierò ^^

    RispondiElimina
  3. Questo è uno dei pochi film che è all'altezza del libro.
    E' stato esattamente come speravo, davvero un film intenso ed emozionante.
    Leggi presto il libro e anche "Mille splendidi soli" dello stesso autore: bellissimi entrambi!!!

    RispondiElimina
  4. li cercherò, grazie Melinda :)

    RispondiElimina
  5. per noi sia il libro che il film sono emozionanti! per ricordare quelle emozioni, attualissime data la situazione internazionale, è stata creata questa pagina facebook. vi consiglio di fare like!
    https://www.facebook.com/TheKiteRunnerIlCacciatoreDiAquiloni

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.