Passa ai contenuti principali

Day of the Dead - Il giorno degli Zombie

Ultimo capitolo della prima trilogia dei morti viventi creata da Romero, uscita a metà degli anni ottanta causa l'uscita di un film diretto da Lucio Fulci, che cercherò di vedere e prossimamente lo troverete alla fabrica, questo capitolo finale è un autentico cult movie, ci troviamo nella apocalisse più assoluta in cui gli umani cercano una cura al virus contro gli zombie, ma dovranno vedersela con un gruppo di militari che danno filo da torcere a coloro che vogliono trovare una soluzione, in questo capitolo c'è una protagonista femminile, che ha un ruolo essenziale nella trama, e che rispecchia forza, coraggio e intelligenza, e come personaggio femminile direi che è uno dei più forti mai designati in un film horror, anche se l'attrice che la interpreta ha fatto qualche film e poi è sparita, ma andiamo al film, che è un autentico gioiello per amanti del genere, e si allontana nettamente dai primi due capitoli della trilogia, anche se ci sono più scene gore e splatter, abbiamo anche uno zombie pensante e che sembra essere buono, abbiamo un medico che è una specie di frankenstein che fa esperimenti sugli zombie, esperimenti che sono illegali, ma per una cura tutto è lecito.
Se nei primi due capitoli della trilogia Romero si impegna a creare un apocalisse, tracciando una acuta critica verso la società consumistica, con questo terzo capitolo va oltre, avvolte si ha l'impressione che esageri un po' ma nonostante ciò il film resta un degno esponente finale di una trilogia entrata nella storia del cinema che è stata fonte di ispirazione per numerosi autori di genere che arriveranno in futuro, ma Romero, che è un grande narratore, espande la nostra percezione e se nei primi due capitoli della trilogia mostrava il lento e inesorabile coinvolgimento del genere umano verso l'apocalisse, qui ci troviamo a catastrofe avvenuta, ormai sono pochi gli esseri umani rimasti, il mondo è ormai invaso dagli zombi, e gli ultimi esponenti del genere umano sono costretti a vivere sotto terra, e i militari vogliono prendere sopravvento per cercare di porre rimedio alla situazione alla loro maniera, ed è la protagonista che deve tener testa al gruppo di militari per salvare quel poco di umanità che rappresenta una speranza per il mondo e ve lo dico subito, non sarà una cosa facile.
Romero qui calca un po' la mano soprattutto per le scene gore e splatter, ma rispetta totalmente il suo progetto iniziale anche se da una sceneggiatura originale il film che aveva pensato era molto diverso del film effettivamente girato, che, sarà poi il soggetto de La terra dei morti viventi prossimamente tra le nostre pagine, la sua regia è autentica anche se il punto di vista è pessimistico, forse per questo non è andato bene al botteghino, ma artisticamente è un opera che completa degnamente in trittico di una trilogia leggendaria, imperdibile per tutti gli amanti del cinema di genere che si rispetti.
DA NON PERDERE




Commenti

  1. Lo zombi "buono" lo ricordo bene, così come ricordo la scena splatterissima poco prima della fine.
    Per il resto, tabula rasa: Notte dei morti viventi a parte tendo a fare un minestrone di tutti gli zombie movie che ho visto in passato!!

    RispondiElimina
  2. Ma la trilogia di Romero è insuperabile ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.