Passa ai contenuti principali

You Don't know Jack - Il dottor morte

Quando si tocca il tema dell'eutanasia, ci si scontra sempre sul valore della vita, e su chi cerca di sostenerla sempre giustamente e chi sostiene che quando una vita è appesa a un filo, e bisogna andare avanti solo ed esclusivamente con l'ausilio delle macchine con sofferenze atroci, bisogna finire queste assurdità, la medicina è andata avanti, fortunatamente oggi molte vite vengono salvate, ma a che scopo salvare una vita se devi rimanere coricato in un letto, con atroci dolori, oppure devi rimanere un vegetale, non riuscendo a parlare perdendo persino la tua dignità di essere umano, con persone che devono lavarti ogni giorno, oppure farti mangiare? Su questo tema è incentrato questo bellissimo film, interpretato da un grandissimo Al Pacino, che interpreta un medico buono, che aiuta i pazienti, malati terminali a porre fine alle loro sofferenze, di loro spontanea richiesta e volontà, gente senza più speranza di ritornare come prima, bisogna sempre lottare per vivere, ma quando non c'è più niente da fare è giusto rimanere appesi a una macchina con atroci sofferenze? Sul tema controverso e delicatissimo come l'eutanasia si concentra il valore della vita, la vita di esseri umani, e sui contrasti di coloro che difendono con le unghie e con i denti la vita, gli scenziati, e la chiesa, è un tema complesso, in cui ci sono due diversi pareri entrambi condivisibili, e che avvolte le persone si mostrano a favore o contro, nessuna legge sostiene i malati nella decisione di porre fine alla propria vita, quando non c'è più nessuna speranza di tornare a camminare, respirare, a vivere come prima, è questo il progresso? Vivere come vegetali in nome della scienza? Eppure prima di queste scoperte la gente moriva e nessuno si permetteva di dire come dovevano essere curati, nessuno si permetteva di giudicare una persona se sceglieva di spegnere la macchina che la teneva in vita, questa recensione è dedicata alla memoria di Eluana Englaro, una giovane ragazza che dopo anni di sofferenze ha ottenuto grazie alle lotte del padre che rispettava la richiesta della figlia che voleva se un giorno le capitava qualcosa e non riusciva a tornare come prima, che il padre spegnesse la macchina che la teneva in vita, ma veniamo al film entrambe le visioni sono giuste, chi più e chi meno, e questo Levinson lo sottolinea mettendo davanti allo spettatore entrambi i punti di vista, se è giusto oggi cercare di salvare una vita, non lo si deve fare con le unghie e con i denti, ma con il cuore, ma è anche giusto lasciare la libertà di scelta a un essere umano se mettere o no fine alle sue sofferenze.
Un film toccante che riflette sulla vita e soprattutto sulla scelta che la società ancora nega facendo la morale pur avendo ragione certe volte e che non intende guardare aldilà delle scoperte scientifiche e della cieca difesa alla vita, che reputo sbagliata, diretto da un regista ispirato che tocca vertici di cinema riuscendo a dirigere un film che riesce a far riflettere con un cast di attori in piena forma.
Splendida la fotografia, la regia di Levinson mostra di saper impostare bene il tema toccante e delicato dell'eutanasia fotografando l'umanità nei volti dei suoi protagonisti, menzione speciale va senza dubbio ad Al Pacino che offre un interpretazione da manuale che altro dire?
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…