Passa ai contenuti principali

You Don't know Jack - Il dottor morte

Quando si tocca il tema dell'eutanasia, ci si scontra sempre sul valore della vita, e su chi cerca di sostenerla sempre giustamente e chi sostiene che quando una vita è appesa a un filo, e bisogna andare avanti solo ed esclusivamente con l'ausilio delle macchine con sofferenze atroci, bisogna finire queste assurdità, la medicina è andata avanti, fortunatamente oggi molte vite vengono salvate, ma a che scopo salvare una vita se devi rimanere coricato in un letto, con atroci dolori, oppure devi rimanere un vegetale, non riuscendo a parlare perdendo persino la tua dignità di essere umano, con persone che devono lavarti ogni giorno, oppure farti mangiare? Su questo tema è incentrato questo bellissimo film, interpretato da un grandissimo Al Pacino, che interpreta un medico buono, che aiuta i pazienti, malati terminali a porre fine alle loro sofferenze, di loro spontanea richiesta e volontà, gente senza più speranza di ritornare come prima, bisogna sempre lottare per vivere, ma quando non c'è più niente da fare è giusto rimanere appesi a una macchina con atroci sofferenze? Sul tema controverso e delicatissimo come l'eutanasia si concentra il valore della vita, la vita di esseri umani, e sui contrasti di coloro che difendono con le unghie e con i denti la vita, gli scenziati, e la chiesa, è un tema complesso, in cui ci sono due diversi pareri entrambi condivisibili, e che avvolte le persone si mostrano a favore o contro, nessuna legge sostiene i malati nella decisione di porre fine alla propria vita, quando non c'è più nessuna speranza di tornare a camminare, respirare, a vivere come prima, è questo il progresso? Vivere come vegetali in nome della scienza? Eppure prima di queste scoperte la gente moriva e nessuno si permetteva di dire come dovevano essere curati, nessuno si permetteva di giudicare una persona se sceglieva di spegnere la macchina che la teneva in vita, questa recensione è dedicata alla memoria di Eluana Englaro, una giovane ragazza che dopo anni di sofferenze ha ottenuto grazie alle lotte del padre che rispettava la richiesta della figlia che voleva se un giorno le capitava qualcosa e non riusciva a tornare come prima, che il padre spegnesse la macchina che la teneva in vita, ma veniamo al film entrambe le visioni sono giuste, chi più e chi meno, e questo Levinson lo sottolinea mettendo davanti allo spettatore entrambi i punti di vista, se è giusto oggi cercare di salvare una vita, non lo si deve fare con le unghie e con i denti, ma con il cuore, ma è anche giusto lasciare la libertà di scelta a un essere umano se mettere o no fine alle sue sofferenze.
Un film toccante che riflette sulla vita e soprattutto sulla scelta che la società ancora nega facendo la morale pur avendo ragione certe volte e che non intende guardare aldilà delle scoperte scientifiche e della cieca difesa alla vita, che reputo sbagliata, diretto da un regista ispirato che tocca vertici di cinema riuscendo a dirigere un film che riesce a far riflettere con un cast di attori in piena forma.
Splendida la fotografia, la regia di Levinson mostra di saper impostare bene il tema toccante e delicato dell'eutanasia fotografando l'umanità nei volti dei suoi protagonisti, menzione speciale va senza dubbio ad Al Pacino che offre un interpretazione da manuale che altro dire?
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.