Passa ai contenuti principali

Paranoid Park

Ecco il nuovo appuntamento settimanale con Gus Van sant, questa settimana parliamo di Paranoid Park, dire che è un film splendido è dire poco, Van Sant è un autore e come tale riesce a dirigere e a fotografare il vuoto esistenziale di un gruppo di Teenager, che passano il tempo a skaterare in un parco chiamato Paranoid Park, sono adolescenti il cui unico scopo è dimostrare di essere qualcuno per la loro qualità, ma soprattutto riescono a essere qualcuno per questa qualità, quando Alex si unisce a loro, accetta di giocare a una gara con altri skaters, saltare la locomotiva in una stazione, solo che ci scappa il morto, per tutto il film Alex convive con questo peso, indeciso se dire o no la verità, la decisione la piglia dopo aver lasciato la fidanzata e si è messo con un altra ragazza che gli da il coraggio di scrivere cosa è successo e piano piano la verità viene fuori.
E' un film spiazzante, capace di conquistare lo spettatore, Van Sant ha la capacità di filmare le immagini degli skaters quasi come fossero in una dimensione senza tempo, in modo da avviluppare lo spettatore per immergerlo in quel mondo, quasi come per vivere e comprendere i ragazzi protagonisti, ed è un operazione perfettamente riuscita perchè si riesce a non giudicare le loro azioni, ma a comprenderle, comprendere la loro solitudine, la loro tristezza, le persone che gravitano intorno a loro, le loro delusioni, e tanto altro.
Gus Van Sant ispirandosi all'omonimo  romanzo di Blake Nelson, filma il ritratto di una generazione che è un autentico urlo critico verso una società assente, incapace di ascoltare, ma capace solo di guardare le partite alla tv e a guadagnare soldi.
E' in questo vuoto esistenziale che gravitano questi skaters, adolescenti senza speranza, il cui unico sfogo è skaterare, cazzeggiare, e scopare con la propria ragazza, ma dentro quel vuoto esistenziale Alex si differenzia, perchè dentro di se ha qualcosa che gli altri non hanno, è un anima che si sente fuori posto lì, una persona sola, in cerca di se stesso, e viene presentato esattamente com'è, con i suoi pregi e i suoi difetti, e rispetto a quel vuoto esistenziale che lo circonda lui è quello che sente maggiormente il peso di quello che è successo, per questo quando incontra la sua amica Macy, decide non di parlare ma di scrivere cosa è successo, lasciando che sia lo spettatore a scoprirlo attraverso le immagini.
Un piccolo film girato con il cuore, la fotografia è oscura, tanto da sottolineare quel vuoto che avviluppa i protagonisti, la regia non lascia spazio a facili sentimentalismi, è netta, decisa, la regia di un professionista che sa cosa vuole raccontare, un film immenso che lascia di stucco, un capolavoro, un opera che lascia profondamente interdetti per come sono narrati gli eventi in maniera non polemica ma come sono realmente sinceri veri.
CAPOLAVORO.



Commenti

  1. per me non è un capolavoro, però un ottimo film ricco di spunti interessanti..

    RispondiElimina
  2. cmq ho scritto capolavoro perchè ha descritto in maniera profonda il vuoto esistenziale di questi giovani, forse ho esagerato, ma l'ho sentito davvero questo film :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.