Passa ai contenuti principali

The Help

Lo dico subito, quando ho visto The Help immaginavo fosse il solito film americano adatto all'academy, pieno di clichè e stereotipi, invece con mia grande sorpresa e nonostante non sia un capolavoro, è una visione toccante su un altro tipo di razzismo, quello che le signore bianche altoborghesi hanno nei confronti delle domestiche di colore, che spesso e volentieri, mentre loro giocano a bridges, o fanno shopping e si abbandonano ad altre frivolezze, sono loro, le domestiche a crescere la prole, il film che è incentrato su una giovane ragazza Eugenia Pelhan, detta Skeeter, che ha appena trovato un lavoro in un giornale locale e deve occuparsi della posta del cuore, dando una mano a una donna, ha l'idea di scrivere un libro sull'argomento questa volta tenendo presente il punto di vista delle domestiche, all'inizio la cosa è vista come qualcosa che se la gente lo viene a sapere, possono perdere il posto di lavoro, ma piano piano, queste donne, che pur crescendo i pargoli delle "signore", vengono grazie all'idea di Hilly Holbrook, la più tirannica del gruppo di signore, che crede che le persone di colore portano malattie, trattate come inferiori, perciò per i domestici ci deve essere un bagno a parte. Questo fatto in Skeeter e nelle domestiche scatenerà una catena di eventi che piano piano, porteranno alla luce, segreti e bugie, di queste persone bene, mettendo alla luce cattiverie e pregiudizi, grazie al libro che Skeeter riuscirà a pubblicare, persino la madre di Skeeter, ha un segreto legato alla sua domestica, segreto che verrà a galla e che sarà per Skeeter una tristezza infinita perchè quella donna l'ha cresciuta, e la madre assecondando l'intolleranza della presidentessa del circolo, per farsi accettare l'ha cacciata di casa, non tenendo presente del fatto che quella donna, anche se è domestica, ha un cuore e un anima, questo sarà per Skeeter che l'ha sempre cercata, un motivo di scontro con la madre, che poi dopo un po' di tempo si accorgerà che il coraggio della figlia può cambiare tutto, e la asseconderà nonostante tutto.
Inutile dire che l'uscita del libro scatenerà uno scandalo di proporzioni gigantesche vero? Ma, non c'è solo Skeeter che ha coraggio e bontà anche una donna Celia che prenderà con se Minny e la tratterà come sua pari nonostante venga vista con spregio dalle signore dell'alta società, tra le scene di maggiore divertimento ricordo quella in cui le persone grazie al cambio della lettera di Hilly da parte di Skeeter le fanno trovare i Water in giardino e lei si infuria, urlando con tutto il fiato che ha in gola, e poi la scena della torta di minny, non perdetela assolutamente, quella è la più terribile di tutte.
Detto questo ci tengo a precisare che è un piccolo grande film, con un cast di attrici eccezzionali, tratto dal romanzo omonimo scritto da Kathryn Stockett e ambientato nell'america degli anni sessanta, provocatorio, coraggioso, che mette in scena con spietata lucidità, l'ignoranza e l'intolleranza verso la gente di colore.
DA NON PERDERE.



Commenti

  1. Mi è piaciuto moltissimo!
    Ho un debole per questo genere di pellicole.
    Bellissimi i personaggi di Celia e Minny.
    Vorrei recuperare anche il romanzo.
    ciao cara :)

    RispondiElimina
  2. si la coppia celia e minnie è stupenda, bellissima la scena in cui celia si mette a mangiare con minnie lei è più umana di Hilly Holbrook che è una vera bastarda ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.