venerdì 6 aprile 2012

Alien³

Alien³ ovvero Alien al cubo, come dicevano gli appassionati della saga alla sua uscita, in cabina di regia questa volta c'è un esordiente, David Fincher, e diciamocelo, sinceramente il film non è male, ma avvolte la visione risulta prolissa con scene di dialoghi lunghissimi e poca azione, non è un opera personale, per vedere opere personali bisogna attendere quel capolavoro di Se7en che sarà il film della rivelazione al grande pubblico.
Il terzo capitolo della saga di Alien ha rischiato di far morire la leggenda iniziata nel 1979 da Ridley Scott e poi proseguita con altrettanto successo da James Cameron, è un film che ha spiazzato i fans della serie per il totale allontanamento ai film precedenti, che è un opera esordiente già la si nota per tante cose, a peggiorare la situazione ci sta anche il fatto che è stato girato per procura, hanno scelto Fincher per dirigere il terzo capitolo, e nonostante ciò malgrado i tanti difetti che il film ha, ha dei momenti davvero di alta tensione anche grazie a delle scene magnificamente girate che fanno rabbrividire, il segreto per apprezzare il terzo capitolo sta nel fatto che c'è molto più horror che nei capitoli precedenti, ed è anche il capitolo con maggiori scene splatter, con un finale che mi ha fatto storcere il naso, ma andiamo ad analizzare questo film, Ripley dopo essere stata ibernata un altra volta con la bambina che si è salvata ora, il modulo di ibernazione della navetta cade in un pianeta sconosciuto dove ci sono uomini, stupratori, assassini, mercenari e via dicendo in quella che si presenta essere come una specie di prigione, sono uomini che vivono in castità anche grazie a delle religioni che seguono, Ripley è l'unica persona ad essere viva, tutti gli altri e si vede dall'inizio, muoiono perchè l'alieno li ha uccisi, lei dovrà fare i conti con quei prigionieri e fare in modo di salvarli, perchè la situazione ora è ancora più grave che in passato perchè? Avete presente il cane con strane ferite che si vede all'inizio? Fate attenzione, perchè l'alieno uscirà proprio dal cane, e fate attenzione anche a Ripley, che scoprirà di avere la regina dentro di se ancora piccola, forse per questo ancora l'alieno non l'ha uccisa, la sua sarà una scelta inevitabile per salvare gli uomini che si trovano in quella prigione, e farà i conti anche con chi vuole riportarla a casa soprattutto per estrarre l'alieno che si porta dentro.
Una pellicola riuscita solo a metà, che ha deluso i fans della serie, in cui speravano veramente in un terzo capitolo che oltretutto fa rimpiangere i due capitoli precedenti, è come in quasi tutte le saghe il terzo capitolo smorza un po' la saga leggendaria, che ritornerà vincente nel capitolo diretto da Jean Piere Jeunet, prossimamente alla fabrica troverete la mia recensione e sarà finora l'ultimo capitolo della saga.
Fincher si trova tra le mani un soggetto che non gli appartiene, e che non sa come impostare bene, non riesce a dare spessore alla trama, nè a personalizzare i protagonisti, ma è un opera d'esordio, un film che forse gli ha imposto la sua casa cinematografica, con il tempo dirigerà opere più personali che lo porteranno all'attenzione del grande pubblico.


2 commenti:

  1. Lo vidi al cinema e rimasi come dire...spiazzato. Al momento non mi piaicque e pensai che pure la saga di Alien erano riusciti a rovinarla poi rivedendolo successivamente ho parzialmente corretto il tiro. Non imprescidibile, non riuscitissimo ma non così brutto...

    RispondiElimina
  2. si non è proprio brutto ma non è nemmeno al livello dei due capitoli precedenti che sono capolavori a confronto :)

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...