Passa ai contenuti principali

Paura nella città dei morti viventi

Primo capitolo della trilogia della morte diretto da Lucio Fulci, signori miei, ma mica è un film per tutti i palati eh? Per poterlo guardare è fondamentale avere una cosa, lo stomaco forte, eh si avete sentito bene, perchè il livello di gore è altissimo, quindi astenersi deboli di cuore e persone dallo spavento facile e lo stomaco sensibile, io ci sono riuscita perchè ormai ho superato lo spavento iniziale, anche se la scena della ragazza che vomita le sue viscere ha rabbrividito anche me, ma apparte questo, è un film per amanti del genere senza dubbio, soprattutto per coloro che non temono scene troppo raccapriccianti, ci troviamo parecchio distanti dal bellissimo e per me insuperabile L'aldilà e tu vivrai nel terrore che reputo stilisticamente migliore, anche se qui non scherza affatto eh? Il suicidio di un prete che praticava la magia nera, scatena l'apertura della porta dell'inferno, una medium che ha captato l'evento viene data per morta e viene salvata da un giornalista che cercherà con lei di risolvere la questione e richiudere la porta dell'inferno, ci riusciranno? Film spettacolare, che ricalca fedelmente ciò che Fulci ha creato, che sia il primo capitolo di una trilogia lo si capisce dal finale lasciato a metà in cui lo spettatore rimane col dubbio, l'abilità di fulci sta nel ricreare atmosfere inquietanti con scene gore e splatter da capogiro, che lasciano interdetti lo spettatore ma non sono affatto gratuite, sono un tuttuno con la storia, il bello è tutto qui, ma come ho detto prima è il primo capitolo di una trilogia, per cui si consiglia di vedere la visione da questo film fino a L'aldilà, trilogia che sottolieo ho apprezzato moltissimo, infatti sono diventata un estimatrice di Fulci anche per questo motivo.
In questo capitolo Fulci si spinge e di molto con le scene gore, apparte il vomito di viscere segnalo anche la trapanatura del cranio da parte di un uomo che becca un giovane a provarci con la figlia, ma è causa del male che propaga il suicidio del prete.
Come dico sempre io, e ormai chi segue questo blog ogni film merita di essere visto e recensito, perchè sono dell'idea, che esistono piccoli film nel sottobosco, sconosciuti e magari sottovalutati che meritano una riscoperta, come la trilogia della morte fulciana, che consiglio vivamente a tutti gli estimatori del cinema di genere, se amate gli horror, è una cosa che non deve mancare nella vostra collezione.
Apparte questo dico solo una cosa, correte a vederlo.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.