Passa ai contenuti principali

Scoprendo Forrester

Un film maturo, coinvolgente, capace di far riflettere e sorprendere lo spettatore, senza dubbio è uno dei migliori film di Gus Van Sant, con un cast di alto livello tra cui spiccano Rob Brown che interpreta Jamall e Sean Connery, nel ruolo di Forrester.
Jamall è un giovane molto abile nel gioco del basket, nessuno sa che in realtà il giovane possiede il grande dono della scrittura, un giorno per poter fare a gara con gli amici e vedere con i propri occhi chi è l'uomo che li spia mentre loro giocano entrano di soppiatto a casa sua, ma nel modo di scappare Jamal perde lo zaino, non volevano assolutamente far niente di male, la loro era solo curiosità, una volta trovato il diario si accorge delle annotazioni, è l'inizio di un amicizia che cambierà in meglio la vita di tutti e due, non prima di entrare in una prestigiosa scuola per ragazzi speciali, giusta per accrescere le sue qualità di scrittore, lì conoscerà diversi ragazzi con cui farà amicizia, ma dovrà vedersela con un professore parecchio pignolo che gli darà filo da torcere, riuscirà a dimostrare che il racconto che ha scritto è farina del suo sacco e non come si dice qualcosa uscito con l'aiuto di una ispirazione arrivata da altre fonti? Il film riesce a fare riflettere sui continui pregiudizi, che si hanno dei ragazzi di colore che vengono da quartieri poveri, e disadattati, certe volte esistono persone che non sanno guardare aldilà del proprio naso, e credono che non è possibile che un ragazzo di colore sappia scrivere benissimo, e che siano capaci solo di farsi di coca o di fare rapine, è gente mossa da intolleranza, e da invidia perchè se dimostri di essere più bravo magari li sminuisci, allora cercano in tutti i modi di metterti i bastoni tra le ruote, l'amicizia tra Forrester e Jamal non è una semplice amicizia, è un percorso di vita che aiuterà entrambi a capire molte cose, un percorso di crescita intellettuale che sarà come un arricchimento per il ragazzo e una nuova speranza per il maturo scrittore, che vedrà compiuto il suo ultimo sogno.
Un film intelligente, scritto e diretto col cuore da un autore ormai con la A maiuscola qui siamo vicinissimi al capolavoro e lo si nota dalla semplicità con cui Van Sant riesce a cogliere ogni più piccola emozione, come se la storia che sta filmando stia accadendo mentre la guardi, non sono molti i film così, veri, appassionati, che ti parlano dritto negli occhi, straordinaria le scene in cui Jamal batte il professore che gli da filo da torcere e quando lo stesso, capisce che ormai deve mettersi da parte, perchè non vale più la pena lottare.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.