Passa ai contenuti principali

Scoprendo Forrester

Un film maturo, coinvolgente, capace di far riflettere e sorprendere lo spettatore, senza dubbio è uno dei migliori film di Gus Van Sant, con un cast di alto livello tra cui spiccano Rob Brown che interpreta Jamall e Sean Connery, nel ruolo di Forrester.
Jamall è un giovane molto abile nel gioco del basket, nessuno sa che in realtà il giovane possiede il grande dono della scrittura, un giorno per poter fare a gara con gli amici e vedere con i propri occhi chi è l'uomo che li spia mentre loro giocano entrano di soppiatto a casa sua, ma nel modo di scappare Jamal perde lo zaino, non volevano assolutamente far niente di male, la loro era solo curiosità, una volta trovato il diario si accorge delle annotazioni, è l'inizio di un amicizia che cambierà in meglio la vita di tutti e due, non prima di entrare in una prestigiosa scuola per ragazzi speciali, giusta per accrescere le sue qualità di scrittore, lì conoscerà diversi ragazzi con cui farà amicizia, ma dovrà vedersela con un professore parecchio pignolo che gli darà filo da torcere, riuscirà a dimostrare che il racconto che ha scritto è farina del suo sacco e non come si dice qualcosa uscito con l'aiuto di una ispirazione arrivata da altre fonti? Il film riesce a fare riflettere sui continui pregiudizi, che si hanno dei ragazzi di colore che vengono da quartieri poveri, e disadattati, certe volte esistono persone che non sanno guardare aldilà del proprio naso, e credono che non è possibile che un ragazzo di colore sappia scrivere benissimo, e che siano capaci solo di farsi di coca o di fare rapine, è gente mossa da intolleranza, e da invidia perchè se dimostri di essere più bravo magari li sminuisci, allora cercano in tutti i modi di metterti i bastoni tra le ruote, l'amicizia tra Forrester e Jamal non è una semplice amicizia, è un percorso di vita che aiuterà entrambi a capire molte cose, un percorso di crescita intellettuale che sarà come un arricchimento per il ragazzo e una nuova speranza per il maturo scrittore, che vedrà compiuto il suo ultimo sogno.
Un film intelligente, scritto e diretto col cuore da un autore ormai con la A maiuscola qui siamo vicinissimi al capolavoro e lo si nota dalla semplicità con cui Van Sant riesce a cogliere ogni più piccola emozione, come se la storia che sta filmando stia accadendo mentre la guardi, non sono molti i film così, veri, appassionati, che ti parlano dritto negli occhi, straordinaria le scene in cui Jamal batte il professore che gli da filo da torcere e quando lo stesso, capisce che ormai deve mettersi da parte, perchè non vale più la pena lottare.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.