Passa ai contenuti principali

Young Adult

Jason Reitman e Diablo Cody di nuovo insieme per una commedia amara incentrata su una persona che si illude di poter riconquistare il suo vecchio amore del liceo, regolarmente sposato e con una figlia piccola, ma presto dovrà fare i conti con una realtà differente, anche grazie a un amico del liceo che è stato picchiato perchè gli amici credevano fosse gay.
Ci troviamo dalle parti di una commedia intelligente su chi invecchia ma è incapace di crescere, e combatte come un novello don chisciotte alla ricerca di un sogno irrealizzabile, un illusione, un mulino a vento, ma ormai è troppo tardi.
Mavis Gray questo è il nome del personaggio, è una ghost writer di libri per bambini di successo, vive in una casa che sembra quella di una teenager, nonostante abbia passato i trenta da un pezzo, non appena si accorge che il suo ex ha avuto una bambina, si mette in viaggio e si illude di poterlo riconquistare ancora, ma lui non ne vuole sapere, è un giovane che si è costruito una vita, una famiglia e l'ultima cosa che vuole è il complicarsi la vita, e a differenza di lei è una persona matura e consapevole di se, il personaggio di Mavis splendidamente interpretato da una bravissima Charlize Theron, incarna il classico tipo di persona sognatrice, un po' patetica, un po' superficiale, che nella sua limitata visione della vita riesce a conquistare con i suoi pregi e difetti, il classico tipo che soffre della sindrome di peter pan, ovvero una persona che non vuole crescere, e che nonostante il passare degli anni sta ancorata alla sua visione limitata della vita e si aggrappa a un sogno all'inizio piuttosto che pensare razionalmente, e cercare di prendere il suo posto nella vita, un personaggio che può risultare simpatico, soprattutto a tutti, perchè prima di tutto non è un personaggio negativo, è un eterna adolescente, e crede che il mondo sia come lei, una persona che è ancora senza una bussola, alla continua ricerca di se, alla fine sarà la consapevolezza che il suo ex compagno di scuola che sarà una specie di guida razionale per lei , le farà notare che quello che insegue non è in realtà quello che in effetti sta cercando, così dopo aver passato una notte con l'ex compagno di liceo, capisce che deve tornare da dove è venuta, forse è solo una sfigata, o forse è solo una persona che capisce che la vita è molto di più che seguire un semplice sogno, eppure quel sogno, per poco tempo l'ha fatta sentire viva, sarà stata anche un illusione, oppure una pazzia, ma almeno ha avuto il coraggio di prendere la palla al balzo, anche solo per poco tempo e illudersi, anche se dimostri di non essere cresciuta, forse è questo il pregio di chi è ancora capace di sognare.
Ancora un film su un personaggio singolare, che aggiunge un altro tassello alla filmografia del brillante Jason Reitman che si conferma un autore anche con questa amara commedia, anche con la complicità della bravissima Diablo Cody con cui ha formato una specie di accoppiata vincente già dal bellissimo Juno, la regia è schietta e acuta, e lo script è originale e coinvolgente, con un cast di attori bravissimi cosa chiedere di più da una commedia al giorno d'oggi?
DA NON PERDERE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.