Passa ai contenuti principali

The Game - Nessuna regola

Film minore di fincher, forse un po' troppo ingarbugliato, ma resta comunque un opera valida per l'interpretazione di due fuori classe che bucano lo schermo, se ci sono dei difetti nella pellicola di Fincher forse la colpa la si deve allo script un po' troppo confuso, e a una regia un po' troppo intensa a trascinare lo spettatore nel lato oscuro di un gioco la cui soluzione si affloscia come un sufflè.
Per la prima volta fincher si trova davanti a un soggetto e non sa come plasmarlo nelle sue mani, se il film parte benissimo, con l'invito di Conrad - un bravissimo Sean Penn - a suo fratello, nella parte centrale offre attimi di tensione ad alto livello per poi lasciare lo spettatore a bocca asciutta sul finale, eh dopo il grande successo di seven forse arrivato al quasi esordio non si poteva chiedere un altro successo, nonostante il cast di attori che vanno dal sopracitato Penn e Michael Douglas nel ruolo del protagonista che da solo vale la visione del film non voglio dire che è un film riuscito a metà perchè sarebbe una grossa bugia, forse è un film che avrebbe meritato un finale diverso, con una soluzione logica, perchè è un opera interessante nonostante i difetti e mi ha tenuta col fiato sospeso nelle due ore di durata, forse Fincher non si è voluto spingere troppo oltre e lo si nota, se lo avesse fatto magari il film ne avrebbe guadagnato, ma dopo Seven voleva ottenere lo stesso successo e ha optato per qualcosa di intrigante che ahimè non era all'altezza del precedente, un ottimo film mancato senza dubbio, che risente del complesso da compiacimento del pubblico del suo autore, un finale senza mordente, senza una motivazione accattivante che catturi e rimanga nella memoria, un progetto forse troppo ambizioso per un regista che nonostante il talento cerca la sua opera personale.
La trama è la seguente, Conrad (Penn) come regalo di compleanno regala l'iscrizione a un club per cominciare un gioco di ruolo al fratello Nicholas (Douglas), per rendere la sua vita un po' movimentata, Nicholas accetta, ma da quel momento la sua vita diventerà un incubo.
Fincher gioca sempre sul fatto vero/falso del gioco riuscendo a rimescolare le carte per gran parte della pellicola, accendendo l'attenzione dello spettatore, ma il tutto si spegne senza conoscere le rispettive personalità dei protagonisti, è un gioco e lo si gioca dall'inizio alla fine, se è solo un bluff poco importa, l'importante è partecipare.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. L'ho visto ma lo ricordo poco.
    Effettivamente rammento la bravura degli interpreti e la pesantezza di una trama un po' confusa.
    Un bel film, comunque, non incisivo come altri di Fincher.

    RispondiElimina
  2. io adoro questo film!
    un thriller sottovalutato, ingarbugliato e proprio per questo fighissimo! :)

    RispondiElimina
  3. si non è male, bastava approfondire di più la trama e il film sarebbe stato un capolavoro :)

    RispondiElimina
  4. A suo tempo lo trovai bruttarello. A mio marito in compenso è piaciuto tantissimo....

    RispondiElimina
  5. lo vidi al cinema e mi piacque, rivisto anni dopo in tv effettivamente qualche magagna viene fuori, troppo lungo e anche sotto il profilo della logica mi sembra che non tutto fili per il verso giusto. Però l'ho rivisto con piacere e non mi ha deluso!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo davvero, mi ha tenuta incollata allo schermo :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.