Passa ai contenuti principali

Restless - L'amore che resta

Film che parla del confine tra la vita e la morte, degli affetti, dell'amore  e soprattutto del trauma delle persone che lasciano il nostro mondo e la difficoltà di chi resta a continuare a vivere, diretto da uno straordinario Gus Van Sant, che con questo film comincia una rassegna cinematografica che vi terrà compagnia ogni venerdì da questa settimana, in assoluto stato di grazia, e lo si nota scena dopo scena, la freschezza con cui è stato girato il film la si percepisce per tutta la durata, il film e mi sembra il caso di dirlo, è uno di quei piccoli ma grandi oggetti che ogni cinefilo vorrebbe degustare piacevole, fa riflettere sul senso della vita, Van Sant omaggia forse Harold e Maude? Pellicola piuttosto simile ma anche se differente, in quanto i due protagonisti della pellicola cult di Hal Hashby sono  un giovane che va ai funerali che si innamora di una vecchia che gli  fa ritrovare il gusto per la vita, qui il protagonista Enoch, che vive sempre con il dolore per la perdita dei suoi genitori, dolore che non è riuscito a superare, incontra Annabel, una ragazza malata di tumore che ha bisogno di continue trasfusioni, sarà per lui un viaggio alla ricerca di se stesso, e troverà il coraggio di superare il dolore per la morte dei suoi genitori grazie al fatto che lui si innamora di Annabel, e capirà quanto importante sia il valore della vita, e soprattutto dell'amore.
Un film che a dispetto delle tematiche pessimistiche l'ho trovato molto ottimista, sincero, semplice e schietto, ma anche naturale e realistico nel descrivere la nascita dell'amore e il bello della vita, perchè la vita la si vive, la morte è solo il passaggio a un altra vita, e Van Sant lo descrive in maniera lucida, sincera, e parla al suo pubblico raccontando la sua storia, che è tratta da una piece teatrale dell'attore Jason Lew, concepita per il teatro, ma tradotta per il grande schermo grazie all'interessamento di Bryce Dallas Howard che è stata collega di college di Lew, e che ha prodotto il film grazie alla Image entertainment di proprietà di suo padre e Brian Grazer, nonostante ciò Van Sant non rinuncia al gusto di portare sullo schermo una storia bellissima che mi ha tenuto piacevolmente incollata allo schermo nei quasi novanta minuti di film.
E' un film che trasmette la maturità del suo autore, Van Sant ha voluto fare un film semplice e ci è riuscito in pieno, tra le scene migliori cito quella del cimitero in cui Anoch vuole fare a pezzi la tomba dei suoi genitori e urla, sbraita perchè non è riuscito a dargli l'ultimo saluto, quella scena è il culmine del film, ma è anche una catarsi che serve al giovane per ricominciare il suo cammino e andare avanti nella vita.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE




Commenti

  1. Ne ho parlato anche io tempo fa (L'amore che resta)
    Davvero un film delizioso, che nonostante il tema non rattrista troppo, anzi, come dici anche tu è ottimista.

    RispondiElimina
  2. si direi che è un piccolo capolavoro :)

    RispondiElimina
  3. eh, già dall'intestazione del blog si capisce che ti è piaciuto parecchio :)
    Comunque confermo in toto quello che dici, anche io l'ho trovato sincero e semplice. La cosa più importante poi è che riesce sempre ad essere molto naturale. Grande film!

    RispondiElimina
  4. e io direi grande Gus Van Sant uno degli autori americani + interessanti della sua generazione ^_^

    RispondiElimina
  5. Un film incantevole, emozionante e semplicemente bello! http://incentralperk.blogspot.it/2012/02/lamore-che-resta.html

    RispondiElimina
  6. si poi si distanzia dalla classica commedia romantica, e ha il tocco tipico dell'occhio di Van Sant, un film originale che ha rimandi con Harold e Maude ma sono vaghi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…