Passa ai contenuti principali

Hypnosis

Hypnosis parte bene, presentando già i protagonisti, tra cui un giovane, che lavora in una sala cinematografica come proiezionista, ma che soffre di continue allucinazioni e amnesie, in cui non ricorda i suoi ultimi dieci anni di vita, è in cura da uno psichiatra, con risultati modesti sulla sua diagnosi, a cercare di scoprire il suo passato e cosa celano i suoi ricordi ci pensa un amica di infanzia, figlia dello psichiatra che ha in cura, che con il suo compagno Isaia, ha scoperto una speciale cura per poter aiutare le persone come Christian, da qui si nota anche l'ambizione del medico, e il fatto che se l'esperimento con Christian riesce può farsi un nome e un prestigio in campo della psichiatria, così il ragazzo accetta di sottoporsi alla seduta, in cui lo ipnotizzano per scoprire cosa gli sia successo, da qui il film si perde in varie scene senza ne capo ne coda, che avrebbero potuto essere sviluppate meglio per scoprire qualcosa su Christian, per esempio non hanno sviluppato il rapporto che ha con la ragazza che inizialmente si capisce che Christian ha sempre avuto una cotta per lei, si nota alla fine e poi questo fatto viene messo da parte un po' troppo alla sbrigativa dai due registi. Si prende come esempio il grande cinema giapponese, che ultimamente ha dettato scuola al cinema occidentale, ma che ahimè anche con le migliori intenzioni noi non riusciamo a replicare, è un film confuso, privo di logica e intuizioni innovative, è come se i due autori hanno per le mani un soggetto appetitoso, ma non lo sanno sviluppare, e cosa ancora più grave non sanno dargli anima, durante le sedute di ipnosi si hanno delle buone idee, che legate tra loro sarebbero state un filo conduttore per scoprire l'intricata matassa che lega i protagonisti, questo non avviene, lo spettatore non riuscirà a scoprire il legame che c'è con i protagonisti della storia e soprattutto con il loro passato, nè scoprirà il motivo per cui la gente del luogo è tanto spaventata dalla ragazza. Il film è pieno di colpi di scena messi apposta per fare balzare lo spettatore dalla sedia, senza dargli il senso di compiacimento e capire il perchè Christian ha quelle allucinazioni? Cosa si cela nel suo passato? Perchè la gente ha paura della ragazza? Cosa nasconde? Ci troviamo di fronte a un soggetto che non viene esplicato a dovere, lasciando un senso di smarrimento nello spettatore con una profonda delusione, un occasione mancata per qualcosa che se messo nelle mani giuste avrebbe fatto faville, e si rimpiange ancora e come sempre il cinema horror giapponese.


Commenti

  1. D'accordo su quanto dici: aggiungerei che per me un'altra zavorra del film è il protagonista, il pessimo Nicola Baldoni che ho avuto modo di dire rappresenta la speranza di tutti i guitti dell'universo perchè se ha fatto lui un film da protagonista allora lo possono fare tutti.A me è piaciuta la scena al cimitero con il ciclista che continua a passare che cita Il seme della follia di Carpenter,l'aria funesta che si respira nelle strade di Crespi D'Adda(che per me è una location clamorosamente bella) e poi vivaddio in una nazione come la nostra ammalata di commedite acuta ben vengano coloro che vogliono fare qualcosa di diverso.Peccato che molti limiti di questo film siano anche dovuti al budget risibile e il finale in stile J horror probabilmente va in questo senso.Era la soluzione più low cost.

    RispondiElimina
  2. si è un film che più che essere originale è confuso e vuole fare un opera d'impatto, ma il J horror è un altra cosa, questo è solo una pallida copia di ciò che sanno fare i giapponesi ormai :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…