Passa ai contenuti principali

In Time

Andrew Niccol ritorna al cinema, con una pellicola dal sapore Dickiano, che ricorda molto Gattaca soprattutto per la struttura della trama, in un futuro prossimo gli uomini nascono programmati, con il tempo che gli resta da vivere che scorre nel loro braccio, l'umanità è divisa, da un lato abbiamo gli eletti, persone con un tempo di vita praticamente illimitato, e dall'altro i semplici umani, persone che possono vivere per un massimo di 25 anni, e il tempo viene usato un po' come una moneta di scambio,  tranne alcuni ladri del tempo che devono rubare ad altri il tempo per poter vivere di più, il protagonista è Will Salas (J Timberlake), che scoprirà tutto ciò la sera in cui incontrerà un ragazzo che verrà cercato da dei gangster che gli vogliono sottrarre il tempo che gli resta da vivere, ma il giovane riesce a scappare grazie all'aiuto di Will e gli regala il tempo che gli resta da vivere ovvero 110 anni, quando si vede morire tra le braccia sua madre, perchè non ha fatto in tempo a prendere l'autobus, decide di fare le cose a modo suo, va da un suo amico e gli regala dieci anni di vita, poi si imbatte nel quartiere dei ricchi, che sono le persone che hanno praticamente una vita illimitata, e qui incontra Sylvia Weis, (Amanda Seyfried),  figlia di un miliardario, che le aprirà gli occhi sulla situazione del mondo, e insieme faranno in modo di prendere in una banca un timer con un tempo superiore al milione di anni, non prima di aver affrontato il padre della ragazza, che era a conoscenza di quel tesoro, ma dovranno fare i conti con il custode del tempo, che sarà per loro una spina nel fianco per i due giovani.
Andrew Niccol rifà se stesso, con un film uscito con mille polemiche e da un accusa di violazione del copyright per la trama che è praticamente identica al romanzo Pentiti Arlecchino, disse l'uomo tic tac di Harlan Ellison, e ci sono somiglianze anche con un film con Christopher Lambert uscito negli anni novanta, Absolon, pubblicità negativa per una pellicola che malgrado la regia impeccabile, ha nella struttura della trama il suo punto debole, sa tutto di già visto e già vecchio, non c'è nulla di nuovo, infatti vi sono molte somiglianze con un altra pellicola di Niccol, ma migliore Gattaca, mentre lì, l'umanità era di visa in validi e non validi, qui è divisa in mortali e immortali, il gioco si ripete, solo con una trama differente, che nulla ha a che vedere con l'innovazione cinematografica, un film che non aggiunge nulla di nuovo, peccato.





Commenti

  1. Non avendo visto i film che hai citato mi é sembrato un buon film con un buono spunto iniziale ma uno sviluppo non eccezionale...

    RispondiElimina
  2. Come Affari nostri anche io non ho visto i film citati, quindi per me è stato tutto nuovo e l'ho trovato davvero molto interessante!!!
    L'idea del tempo è denaro viene messa in scena alla perfezione.
    Sono stata attaccata allo schermo per tutto il film...allo scadere dei secondi ero trepidante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.