Passa ai contenuti principali

La Metà Oscura

George Romero e Stephen King per la seconda volta insieme dopo il bellissimo Creepshow dove hanno scritto praticamente il film insieme, ma questa volta George trae spunto da un romanzo di King, La metà oscura, protagonista è uno scrittore che sin da bambino soffriva di atroci mal di testa, durante un operazione ci si accorge di avere un gemello, che non è stato assorbito dal corpo ma è entrato in testa, facendogli sentire suoni, e il canto di passerotti fino a quando non lo hanno rimosso, Thad Beaumont, da adulto diventa uno scrittore di successo, che firma con il suo nome romanzi seri e con il nome di George Stark romanzi di genere horror, un giorno un giovane scoperto l'imbroglio minaccia di rendere pubblica la cosa, e Thad decide di eliminare Stark, ma qualcuno non sarà d'accordo e i vecchi demoni, creduti seppelliti ritornano in vita.
Un film magistrale sul tema del doppio, girato da un Romero in grandissima forma, che qui si cimenta con un horror psicologico a tinte forti, dalla trama coinvolgente e dalla recitazione superba di Timothy Hutton, da non dimenticare anche Michael Rooker, per tutti gli appassionati di cinema di genere è l'indimenticabile protagonista di Henry Pioggia di Sangue qui nel ruolo del poliziotto. L'abilità di Romero sta nel giocare con lo spettatore fino alla fine sull'identità dell'assassino, che fino all'ultimo ti da l'impressione che sia Thad il colpevole, fino al colpo di scena, in cui l'identità di Stark viene fuori, ma non dico altro per non rovinarvi la sorpresa, perchè ve lo dico subito è un film prima di tutto da vedere e da assimilare, parecchio lontano dal bello, ma quanto scontato Secret Window, in cui finisce tutto sul più bello, ma qui alla cabina di regia abbiamo un maestro, e lo si nota dalla prima all'ultima scena che Romero sa cosa sta dirigendo, e soprattutto sa come vuole esprimerlo al grande pubblico, è senza dubbio uno dei suoi migliori film capace di tenere incollato lo spettatore dall'inizio alla fine, ed è sorprendente la sua capacità di tenere alta la tensione.
Come nelle migliori pellicole, non tutto è come appare, e non bisogna dare per scontato quello che vediamo, perchè quando le carte si rimescolano, il gioco diventa ancora più eccitante e pericoloso.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Mi piace molto questo film, lo vidi al cinema e mi lasciò un senso di disagio addosso dopo i titoli di coda.Credo che sia abbastanza lontano dallo stile classico di Romero. La metà oscura secondo me è uno dei migliori romanzi di King.

    RispondiElimina
  2. Non lo vedo da un sacco di tempo, ma l'ho sempre trovato ben fatto ed inquietantissimo.
    Però è tratto da uno dei libri di King che mi sono piaciuti di meno, vado controcorrente rispetto al Bradipo :PP

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.