Passa ai contenuti principali

Wampyr - Martin

Wampyr, conosciuto anche come Martin è un autentico cult per tutti gli amanti degli horror e del cinema di genere, nemmeno il papà degli zombie, è rimasto inerme di fronte al fascino dei vampiri, anche lui ha fatto un film del genere, ma alla sua maniera, e lo dico subito, è un grande grandissimo film. Dimenticate tutte le leggende passate che ci hanno fatto conoscere la leggenda del non morto, comunemente conosciuto come vampiro, il succhiasangue protagonista del film di Romero è un giovane di bell'aspetto, che non ha l'aspetto cadaverico della figura tradizionale, infatti si gioca molto sull'effetto, incrociando superstizioni, dicerie, che stanno a metà strada tra realtà e finzione, dando allo spettatore l'ansia necessaria per gustarsi il film per poi scoprire la verità, ma è davvero così? Il vampiro di Romero è tuttaltro che la figura come la tradizione ci ha insegnato, la finzione, le leggende e via dicendo, la sua figura appare normalissima, di una persona comune, forse per questo Romero si  diverte  a giocare, e a confondere le acque, possiamo dire che tra i suoi film girati questo è senza dubbio il suo preferito, lo si nota dalla cura dei particolari, dalla tensione generata nelle scene, e dall'ignoranza che circonda i protagonisti, primo fra tutti lo zio, un anziano ignorante, che dice che la sua famiglia è strattamente legata a una maledizione di cui non scopriamo tutti i particolari, quelli ci sono, Romero ce li presenta frammentizzati in bianco  e nero, in un crescendo che si lega alla trama del film e che racconta come realmente si svolgono i fatti, Martin è realmente un vampiro? Per scoprirlo dovrete guardare il film, che è un autentico gioiello di suspence che si intreccia alla psicologia e all'inquietudine, anche se non mancano scene sanguinolente, presenti in maniera moderata, meno gore rispetto alle altre pellicole che ha diretto, beh è un film diverso da quelli con cui è conosciuto, una virata che racconta il vampiro come lo vede Romero, alla sua maniera, e presenta un giovane in cui tutti noi possiamo identificarci, non lo presenta come un anima crudele e dannata, ma come una persona normale. Martin ha una strana attrazione per il sangue, molti compreso lo zio lo credono un vampiro, ma come stanno realmente le cose? Cosa c'è dietro la maledizone di famiglia? E' un film per molti ma non per tutti, un opera di culto considerato uno dei migliori horror di sempre e lo è, soprattutto per la regia che inquieta e affascina lo spettatore, dando prova dell'abilità di Romero di tessere i fili della trama e di essere un ottimo narratore di cinema, un altro tassello alla sua magnifica cinematografia.
CULTISSIMO




Commenti

  1. Che ti dicevo? :) Cultissimo. Vampiri trattati in maniera originale quando già era difficile farlo, personaggi azzeccati, scene veloci cucite insieme ad una maggiore lentezza, musiche grandiose.
    Wampyr è la versione rimontata, maluccio, per il mercato italiano.

    RispondiElimina
  2. aaaah ho capito grazie Occhio, vorrà dire che cercherò la versione originale :)

    RispondiElimina
  3. Tieni presente che gira anche l'originale (director's cut) comunque doppiata in italiano, potresti già aver aver visto quella!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.