Passa ai contenuti principali

Funny Games (Us Version)

Solo Alfred Hitchcock ha fatto il remake di un film, fino a quando nel 2007 un regista austriaco non ha rifatto un suo film, quel regista austriaco è Michael Haneke, io li ho visti tutti e due, sinceramente non so dire quale film sia migliore, perchè sia l'originale che il remake li ha fatti lo stesso autore, e fare un paragone mi pare inopportuno perchè praticamente l'uno è la copia dell'altro, ma trattandosi di vero autore non possiamo parlare di plagio, ma semmai di un rifacimento in chiave moderna di un film del 1997 che aveva turbato gli spettatori, questo remake, lo hanno paragonato ad arancia meccanica, ma il paragone appare forzato dato che sono due film assolutamente diversi, anche se la violenza è presente e anche agghiacciante, ma qui abbiamo un cast di primordine, cioè attori famosi e osannati, a cominciare dalla sempre magnifica Naomi Watts, poi c'è anche Tim Roth, che interpretano il marito e moglie vittime di questi due giovani, che cominciano un gioco ed è un gioco incentrato sulla violenza, dapprima psicologica, poi ci vanno sul pesante fino allo sconvolgente finale, un film che è una chiara polemica verso la società che ci circonda, i cui simboli sono nella famiglia normale che va in vacanza, il tutto comincia in maniera inaspettata, in cui un giovane entra in casa e chiede delle uova, estremamente gentile, ma poi si unisce anche un altro ragazzo anche lui estremamente gentile, quando iniziano a diventare molesti e insistenti Ann li caccia via, ma a questo punto danno un colpo di mazza da golf al marito, e inizia il gioco, un gioco sottile, ma capace di ingoiarti fino all'inverosimile, non finiscono il gioco fino a quando non lo decidono loro, una situazione massacrante ma anche allo stesso tempo sadica e masochista, in cui i ruoli dei due ragazzi che sono gentili, si scontrano quella famiglia, che deve sostenere il loro gioco che condurranno loro fino alle estreme conseguenze, è una convivenza forzata, quasi un gioco al massacro, compiuto per il rifiuto di Ann di dare le uova, dopo che loro (ma lo hanno fatto apposta) hanno rotto le uova, e si rompere le uova nel paniere alle famiglie può dar fastidio, e il gioco comincia proprio così, sta a quella famiglia disgraziata che vuole levarsi dai piedi quei due sconosciuti subire la loro violenza, che sarà massacrante, ma tranquilli, non ci saranno visioni di sangue, ma uno spargimento di sangue sarà presente.
Haneke gioca col la patologia psicologica, di due persone apparentemente miti, ma che sono tutt'altro che normali, che si scontrano con una famiglia che stava lì per passare le vacanze estive, in apparenza non esiste nessuna motivazione di quello che sta succedendo, ma le conseguenze saranno impressionanti.
Un film disturbante, che gioca con la violenza mai gratuita, e che sbalordisce per come questa famiglia debba sopportare, forse era meglio per Ann dare altre uova, ma che senso avrebbe avuto quando le uova erano il pretesto per cominciare a giocare?
DA NON PERDERE





Commenti

  1. E'vero, è bellissimo, da non perdere.Se non esistesse l'altro.Secondo me è da non perdere per chi non ha visto l'altro perchè come hai sottolineato i due film sono identici .Se poi vogliamo prendere come differenza la diversità della razza del cane della famiglia, la diversa marca della loro auto o il fatto che il cane di cui sopra in una scena esca da uno sportello che invece dal portellone o cose di questo genere...
    Per me è stata solo un'operazione commerciale, un modo per far conoscere il nome di Haneke anche nella Mecca del cinema con il film meglio spendibile....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.