Passa ai contenuti principali

Effetto Notte

La più grande dichiarazione d'amore per il cinema, diretta da un grande regista innamorato della settima arte.
Il set è quello di ti presento Pamela, dove gli attori, la troupe e il regista lavorano convivono e amano, sul set.
Sembrerebbe il classico film pseudosentimentale ma non lo è, anzi qualcuno direbbe che è il cinema secondo Truffaut, secondo la sua visione.
E' un opera incentrata sulla vita e sull'arte, che sono temi centrali e fortemente sentiti da truffaut, solo che nelle pellicole precedenti questa cosa non si percepiva, la si intuiva.
L'amore per l'arte, in questo caso la settima arte è presente in ogni scena della pellicola.
Effetto notte è un capolavoro assoluto, un opera magistrale, matura e sentita di un autore che racconta il set cinematografico, per chi è cinefilo come me e come credo tutti voi che seguite le mie recensioni sa a cosa mi riferisco; ora mi spiego meglio, l'arte e la vita camminano a braccetto, la storia è quella di un attrice che è sposata e di un attore che si innamora di lei, ma c'è un film che si deve girare, si deve interpretare un personaggio, bisogna indossare i suoi panni e recitare il ruolo. Quando la scena finisce c'è la vita, il mondo luccicante del camerino, del trucco, le interviste, i dubbi esistenziali, la vita vera, le cose che amiamo e che odiamo. Ovvero l'attore che si toglie la maschera e diventa uomo che vive, il cui cuore pulsa e prova dei sentimenti autentici e sinceri.
Si fanno riferimenti al cinema di Fellini, Bergman, Bresson e tanti altri, si notano i libri del regista - in questo caso truffaut che torna a interpretare una sua pellicola dopo Il ragazzo selvaggio che ho già recensito precedentemente - nel ruolo del regista Ferrand.
Un film nel film, dove si narra in maniera originale e magistrale, problemi, amori e vita di un set cinematografico che sembra un autentica testimonianza dell'amore per l'arte e la vita, raccontata da un regista cinefilo che ama il cinema e ce lo narra a cuore aperto, cosa volere di più da un film?
MAGISTRALE


Commenti

  1. Senza alcun dubbio, un vero capolavoro.

    RispondiElimina
  2. CAPOLAVORO SENZA SE E SENZA MA. E scusate il maiuscolo però quando si parla di Truffaut mi scatta la valvola....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione come darti torto hahaha ;)

      Elimina
  3. Quanto adoro Truffaut! E quanto adoro Leud!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IDEM!!! Scusa il maiuscolo ma ho un affetto particolare per truffaut ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.