Passa ai contenuti principali

Missing Scomparso

Questa recensione è dedicata a mio fratello Salvatore Bisanti, recentemente scomparso a causa di complicazioni dovute ad una malattia a cui precedentemente è stato trapiantato di fegato 19 anni fa ben due volte...
Riposa in pace.

Constantin Costa Gavras, si ispira a un fatto realmente accaduto durante il colpo di stato in cile nel 1973, che ha portato al potere Pinochet.
E' la storia di un giornalista che grazie a una conoscenza nei servizi segreti scrive un articolo e dopo poco tempo scompare senza lasciare traccia.
La moglie si mette in contatto con le autorità per cercare di trovarlo, e questi invece di dare una mano alla donna cercano di insabbiare il tutto, quando la situazione sembra ormai compromessa e non c'è speranza di sapere cosa realmente sia successo, la donna chiama il padre del marito. Egli non si arrenderà di fronte a nulla pur di sapere dove si trova Charlie, e non serviranno a nulla le cause che ha fatto contro le istituzioni del Cile per smascherare i colpevoli, dopo che ha saputo che il figlio è morto.
Una pagina triste e vergognosa che mostra come l'america sia stata complice di questo scellerato piano di fare cadere il governo del Cile per i loro sporchi interessi, e di come pur di proteggersi le chiappe non fanno nulla per aiutare la gente normale a far luce sulla verità di una scomprarsa tanto tragica che poteva smascherare diverse ingiustizie, dato che il giovane da giornalista diceva sempre la verità.
Film tratto da una storia vera, ma che per motivi di sicurezza hanno cambiato il nome della nazione e i nomi dei protagonisti, ma si capisce benissimo che si parla del Cile grazie a piccoli stratagemmi creati dal regista.
Una pellicola toccante e coinvolgente, diretta da un maestro del cinema che ha fatto dell'impegno e del cinema di denuncia il suo cavallo di battaglia.
Magistrali le interpretazioni di Jack Lemmon e Sissy Spacek che da soli meritano la visione del film, soprattutto perchè  riescono a far sentire i loro sentimenti agli spettatori, anche Gavras riesce nell'intento di colpire il marcio dei poteri forti, sottolineando la natura e ambigua delle istituzioni, che invece di servire il popolo servono loro stessi e sono attaccati al potere e al denaro.
Tra le scene migliori segnalo quella dello stadio, in cui il padre crede di aver visto il figlio, e quella in cui la moglie, che non si è mai rassegnata nella ricerca, sgrida il console con i suoi leccapiedi.
Bellissima la colonna sonora firmata Vangelis, musicista compatriota di Gavras, in particolare il motivo che da il titolo al film.
In conclusione un capolavoro, da vedere e rivedere, per capire di cosa l'uomo è capace di fare ai suoi simili per sottometterli ai suoi comandi.
CAPOLAVORO.




Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.