Passa ai contenuti principali

Ted

Dissacrante, irresistibile e soprattutto politically scorrect. Si potrebbe riassumere così con queste  poche parole il film Ted, che vede tra i protagonisti un inedito e accattivante Mark Whalberg e una sempre più brillante Mila Kunis.
John Bennett è un bambino solitario, il giorno di natale i suoi gli regalano un orsacchiotto che lui chiama Ted. La notte stessa di natale tramite un desiderio di John Ted si anima, e da orsacchiotto di pelouche, diventa un essere che - quando ormai John è diventato grande -  parla, sputa, si fa le canne con John e insieme guardano a più non posso Flash Gordon il loro film preferito.
Ma ben presto il rapporto con Lori, fidanzata di John rischia di minarsi perchè lui non riesce a staccarsi da Ted, che diventa da subito il terzo incomodo della coppia di fidanzati.
Come fare a risolvere la situazione e non perdere anche Lori? Sarà proprio Ted, con uno stratagemma a salvare sia il suo rapporto con John, che l'amore con Lori...
Un film divertentissimo che mostra un lato inedito di Mark Whalberg, fino ad ora impegnato in diverse pellicole serie, qui è vivo il suo lato comico nel mettere in luce un rapporto con un orsacchiotto, che è il compagno di un intera vita, con il momento della crescita e la consapevolezza che esistono persone vere che hanno bisogno del nostro affetto.
John si trova a un bivio, in cui deve fare una scelta, se crescere o meno, ci penserà il compagno di una vita intera a fargli capire che può avere tutti e due e crescere.
Non badate a quello che si dice in giro e vedetevi questo film, che sinceramente è fatto abbastanza bene e i personaggi sono descritti in modo intelligente e mai superficiale. Il momento di crescere viene per tutti, ma anche la consapevolezza di accettare le cose che ci caratterizzano e ci accompagnano possono essere presenti, anche se nella vita si cresce.
Un film sul passaggio dall'età adolescenziale a quella adulta con due attori strepitosi anche se la star del film è Ted ovviamente.
Seth McFarlane riesce a fare un film che è sincero e cazzuto, talmente cazzuto da risultare particolarmente divertente, un opera spensierata per divertirsi e riflettere sull'amore e sulle cose che ci legano.
Un buon esordio alla regia dal creatore dei Griffin.
APPETITOSO




Commenti

  1. Non di certo a livelli di Griffin e dintorni ma carino, mi ha anche fatto ridere. :)

    RispondiElimina
  2. divertentissimo, ho riso dall'inizio alla fine :)

    RispondiElimina
  3. Un film che fa ridere per tutta la sua durata, anche se la seconda parte è meno riuscita della prima (per poi risollevarsi nel finale). Completamente d'accordo con la recensione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.