Passa ai contenuti principali

Oltre il giardino

Uno dei film più surreali mai visti, il protagonista è un grandissimo Peter Sellers che interpreta Chance Giardiniere; un uomo mite che non ha mai lasciato la casa in cui è morto il suo padrone.
I suoi unici interessi sono il giardino, che cura con precisione e guardare la televisione. Alla morte del suo padrone decide di uscire finalmente dalla casa e tramite un incidente si imbatte in Eve, moglie di un uomo politico molto influente.
All'impatto con la vita i suoi modi appaiono stralunati e assurdi per la gente che vive normalmente. Eppure dopo aver conquistato il padrone di casa e fatto innamorare sua moglie di se, alcuni cominciano a fare ricerche su di lui; scoprendo che  non c'è alcuna traccia della sua esistenza, non è iscritto all'anagrafe, non ha documenti e nemmeno un contocorrente bancario. Si comincia a sospettare chissà quale mistero si nasconda dietro di lui, senza comprendere che è una persona semplicissima che è molto lontana dagli intrighi e dai misteri che la gente intorno alla figura del politico sospetta. Per alcuni addirittura può essere un pazzo per come si comporta, oppure un ritardato mentale.
Alla morte del politico Chance, uscirà di scena in modo surreale, camminando sul lago per sottolineare la semplicità della sua persona.
Un film ricco di metafore, che bisogna cogliere osservando attentamente le situazioni e le scene. Abbiamo in scena un uomo, Chance - Peter Sellers volle fortissimamente interpretarlo dopo aver letto il libro - che non è mai uscito dalla casa in cui ha vissuto per tanti anni, dentro quella casa si occupava del giardino - che è  il suo lavoro - e si guardava la televisione.
Per noi gente normale può essere la figura di un idiota, o ha qualche rotella fuori posto, oppure è soltanto autistico. Restano solo supposizioni, perchè il regista sa che non è come gli altri lo vedono, è lo spettatore a dare un giudizio finale su Chance e i suoi modi di fare.
E' un film complesso, strutturato in maniera intelligente e acuta, Hal Ashby sa che all'origine del film c'è un romanzo, e cerca di dare la sua impronta al film.
Secondo voi chi è Chance Giardiniere? Un angelo? Dio? La morte? O semplicemente un imbecille intelligente? La risposta la trovate dentro di voi, e lo capirete a film concluso.
Quello che vi dico io è che è uno dei film più intensi interpretati da Peter Sellers, poetico e surreale, sembra che i personaggi si muovano in uno spazio senza tempo, in cui tutto non è come appare, ma lo spettatore deve sforzarsi a trovarlo.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. se posso fare una critica a quello che hai scritto, è che il giudizio di capolavoro, per questo film, è riduttivo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaaaaaah hahahaha secondo te è + di un capolavoronon è vero? :)

      Elimina
    2. oltre il capolavoro c'è l'immenso, e questo è uno di quelli, sicuro

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.