Passa ai contenuti principali

Oltre il giardino

Uno dei film più surreali mai visti, il protagonista è un grandissimo Peter Sellers che interpreta Chance Giardiniere; un uomo mite che non ha mai lasciato la casa in cui è morto il suo padrone.
I suoi unici interessi sono il giardino, che cura con precisione e guardare la televisione. Alla morte del suo padrone decide di uscire finalmente dalla casa e tramite un incidente si imbatte in Eve, moglie di un uomo politico molto influente.
All'impatto con la vita i suoi modi appaiono stralunati e assurdi per la gente che vive normalmente. Eppure dopo aver conquistato il padrone di casa e fatto innamorare sua moglie di se, alcuni cominciano a fare ricerche su di lui; scoprendo che  non c'è alcuna traccia della sua esistenza, non è iscritto all'anagrafe, non ha documenti e nemmeno un contocorrente bancario. Si comincia a sospettare chissà quale mistero si nasconda dietro di lui, senza comprendere che è una persona semplicissima che è molto lontana dagli intrighi e dai misteri che la gente intorno alla figura del politico sospetta. Per alcuni addirittura può essere un pazzo per come si comporta, oppure un ritardato mentale.
Alla morte del politico Chance, uscirà di scena in modo surreale, camminando sul lago per sottolineare la semplicità della sua persona.
Un film ricco di metafore, che bisogna cogliere osservando attentamente le situazioni e le scene. Abbiamo in scena un uomo, Chance - Peter Sellers volle fortissimamente interpretarlo dopo aver letto il libro - che non è mai uscito dalla casa in cui ha vissuto per tanti anni, dentro quella casa si occupava del giardino - che è  il suo lavoro - e si guardava la televisione.
Per noi gente normale può essere la figura di un idiota, o ha qualche rotella fuori posto, oppure è soltanto autistico. Restano solo supposizioni, perchè il regista sa che non è come gli altri lo vedono, è lo spettatore a dare un giudizio finale su Chance e i suoi modi di fare.
E' un film complesso, strutturato in maniera intelligente e acuta, Hal Ashby sa che all'origine del film c'è un romanzo, e cerca di dare la sua impronta al film.
Secondo voi chi è Chance Giardiniere? Un angelo? Dio? La morte? O semplicemente un imbecille intelligente? La risposta la trovate dentro di voi, e lo capirete a film concluso.
Quello che vi dico io è che è uno dei film più intensi interpretati da Peter Sellers, poetico e surreale, sembra che i personaggi si muovano in uno spazio senza tempo, in cui tutto non è come appare, ma lo spettatore deve sforzarsi a trovarlo.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. se posso fare una critica a quello che hai scritto, è che il giudizio di capolavoro, per questo film, è riduttivo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaaaaaah hahahaha secondo te è + di un capolavoronon è vero? :)

      Elimina
    2. oltre il capolavoro c'è l'immenso, e questo è uno di quelli, sicuro

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.