Passa ai contenuti principali

Fuga da Los Angeles

Jena Plisken è tornato, ed ha un altra missione da compiere: Prelevare una valigetta rubata da Utopia, figlia del presidente degli stati uniti capace di dare il potere di controllare il mondo.
Per farlo deve andare a Los Angeles, che un tempo è stata una città americana, oggi è ridotta a una colonia dove c'è la feccia che è stata esiliata dagli stati uniti. Unico inconveniente? Dover uscire da quella città, che è un impresa impossibile dato che è molto controllata dalle guardie.
Jena dovrà scontrarsi anche con Cuervo, un simil rivoluzionario che vuole comandare più che ribellarsi. Sarà proprio questo Cuervo a rapirlo per farlo giocare a pallacanestro da solo, ed ha tempo solo dieci secondi a tiro se non ce la fa lo uccide. Jena riesce a fare canestro  tutte e cinque le volte, e con grande stupore di Cuervo vince!!! Ovviamente lui non accetta questa cosa e gli spara. Ma Jena  riesce a scappare lo stesso, nonostante il cancello sia chiuso. Ma il tempo stringe, perchè coloro che gli hanno dato questa missione hanno immesso nel suo corpo un virus mortale.
Scoprirà anche grazie a Utopia che il padre e Cuervo in realtà non sono poi così diversi, ma la ragazza dovrà comprendere forse che c'è qualcuno di più valido...e ci riuscirà.
Jena verrà aiutato anche da alcuni tipi bizzarri che incrocerà sul suo cammino, e non sarà solo nella sua missione. Ma dovrà stare attento anche ai traditori con la faccia da furfanti che lavorano e campano con Cuervo...
Secondo capitolo della saga di Jena plisken con ancora Kurt Russell come protagonista, che qui scrive e produce. Questo secondo capitolo è fatto abbastanza bene, più suntuoso ma con grandi scene d'azione da adrenalina.
Il secondo capitolo delle avventure di Jena Plisken non poteva essere diverso da questo film, anche se sono passati 15 anni di distanza dal primo capitolo. John Carpenter da autentico maestro del cinema qual'è, non si limita solo a fare un sequel, lo arricchisce aggiornandolo ai tempi, rendendolo più apocalittico e minaccioso - a confronto Los Angeles sembra più normale dell'America pulita - anche se non mancano sia la critica feroce sulla società e sul potere nascosto, sia dividere il mondo in buoni e cattivi, con i cattivi rinchiusi nel ghetto della città di Los Angeles per poi scoprire che i veri cattivi sono i buoni travestiti da giusti, ma che vogliono il controllo del mondo, andando persino contro i loro stessi figli.
Da notare le brevi parti di Pam Grier e Valeria Golino, che seppur interpretano piccole parti, riescono a imprimersi nella memoria.
Da incorniciare l'interpretazione di Steve Bushemi, nel ruolo dell'agente di Cuervo, è da lui che Jena si deve guardare, e ci regala un personaggio di gran bastardo, ma che risulta anche simpatico.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Questo sequel/remake del ben più importante film di Carpenter spesso viene accusato di essere stupido, ripetitivo e inutile. Io l'ho sempre trovato divertente e intelligente nel prendere in giro un genere (un po' come Grosso guaio a Chinatown)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è fatto bene, e presenta ancora prima di tarantino, ma qui è comprimaria Pam Grier, che tornerà a lavorare con Carpenter in fantasmi da marte, ancora in un piccolo ruolo :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…