Passa ai contenuti principali

Music Graffiti

Opera prima da regista di Tom Hanks, che racconta l'ascesa e la caduta di una band, che dopo aver scritto una canzone diventa un fenomeno, ma il successo arriva grazia all'intuizione di un impresario e all'entrata in scena di un batterista tosto.
Nascono così i Wonders, che in brevissimo tempo scalano le classifiche, e si montano la testa cosa che farà precipitare il gruppo di nuovo nell'anonimato da dove è arrivato.
Il film ricalca fedelmente i magici anni sessanta, non a caso alla produzione c'è Johnathan Demme che si ricalca un cameo nel film.
Un film nostalgico e spensierato, diretto da un esordiente dal nome eclatante e dal talento recitativo unico, che decide di stare dietro la macchina da presa regalandoci un film semplice che sa raccontare i sixtees in maniera sincera.
Il cast di attori erano giovani nomi promettenti degli anni novanta, in cui spicca anche la celebre Liv Tyler, ed è anche il primo film in cui appare Charlize Theron, attrice che apprezzo molto. Qui non è protagonista, si fa notare appena anche se interpreta una maliarda capricciosa.
Un film originale e per nulla stereotipato sugli anni sessanta, che intelligentemente non prende la strada dell'effetto nostalgia, altrimenti sarebbe stato banale e fuori luogo.
Invece ambienta il film in quell'epoca spensierata, facendolo amare dal pubblico giovane e meno giovane, allontanandosi da rivoluzioni e contestazioni.
Raccontare i Sixtees non è affatto facile, lui ci riesce soprattutto perchè ha voluto dirigere un film col cuore che parla di musica e di grandi sogni, e ci è riuscito alla grande.
In conclusione, è un film che parla di un sogno, anche se è durato il tempo di un estate lo si gode dall'inizio alla fine, poi arriva la realtà e ci si trova più grandi di prima e più illusi di prima.
APPETITOSO




Commenti

  1. Ciao! In quanto candidato al premio dedicato al miglior blog di cinema, ti invito a votare qui:
    http://hovogliadicinema.blogspot.it/2012/12/miglior-blog-di-cinema-votate.html

    RispondiElimina
  2. bel blog....vieni su nonsoloci.blogspot.it

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.