Passa ai contenuti principali

I Bambini di Cold Rock

Quando si gira un horror o un thriller, bisogna seguire un percorso che alzi la tensione. Allo stesso tempo la storia deve risultare plausibile e con un centro che racchiuda tutto attraverso un perchè,  e soprattutto un per come.
I Bambini di Cold Rock parte bene, con una voce fuori campo drammatica che preannuncia qualcosa di oscuro e ambiguo, per tutta la prima parte ci aspettiamo qualcosa di drammatico che anticipa quello che terribilmente molti spettatori si aspettano, soprattutto grazie a delle sequenze piuttosto azzeccate e coinvolgenti, ma che andando avanti cominciano a perdersi fuorifase come un colpo di scena  che non centra nulla finendo per perdere quella tensione di cui tutti sono fermi ad aspettarla.
Pascal Laugier, di cui abbiamo visto e parlato a proposito di Martyrs, con questo film sceglie di dirigere un opera prettamente hollywoodiana, a cominciare dalla protagonista Jessica Biel, che più che un attrice sembra un personaggio di un teen drama, e perciò è poco credibile per un horror che si rispetti.
I punti forti: l'inizio è travolgente e riesce a tenerti a puntino, man mano che il film va avanti credi di trovare un opera che rasenti la tensione allo stato puro e cerchi qualche scena che ti sorprende.
I punti deboli: Il film si perde in un bicchiere d'acqua, la tensione va man mano diminuendo dalla seconda metà a causa di alcune scene sbagliate, poi non da una motivazione valida della sparizione dei bambini nè si scopre il luogo dove sono stati segregati, nulla. Ci troviamo davanti a un film che aveva delle buone possibilità di essere girato bene, ma il regista o lo sceneggiatore o magari anche tutti e due, si sono spaventati ad andare oltre, ci sarà mai un regista che sa osare sfidando il suo pubblico?
Mah, aspettiamo qualche opera migliore, comunque vi consiglio di aspettare l'uscita in homevideo per vederlo, non ne vale la pena spendere soldi per questo polpettone hollywoodiano.



Commenti

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…