Passa ai contenuti principali

I Bambini di Cold Rock

Quando si gira un horror o un thriller, bisogna seguire un percorso che alzi la tensione. Allo stesso tempo la storia deve risultare plausibile e con un centro che racchiuda tutto attraverso un perchè,  e soprattutto un per come.
I Bambini di Cold Rock parte bene, con una voce fuori campo drammatica che preannuncia qualcosa di oscuro e ambiguo, per tutta la prima parte ci aspettiamo qualcosa di drammatico che anticipa quello che terribilmente molti spettatori si aspettano, soprattutto grazie a delle sequenze piuttosto azzeccate e coinvolgenti, ma che andando avanti cominciano a perdersi fuorifase come un colpo di scena  che non centra nulla finendo per perdere quella tensione di cui tutti sono fermi ad aspettarla.
Pascal Laugier, di cui abbiamo visto e parlato a proposito di Martyrs, con questo film sceglie di dirigere un opera prettamente hollywoodiana, a cominciare dalla protagonista Jessica Biel, che più che un attrice sembra un personaggio di un teen drama, e perciò è poco credibile per un horror che si rispetti.
I punti forti: l'inizio è travolgente e riesce a tenerti a puntino, man mano che il film va avanti credi di trovare un opera che rasenti la tensione allo stato puro e cerchi qualche scena che ti sorprende.
I punti deboli: Il film si perde in un bicchiere d'acqua, la tensione va man mano diminuendo dalla seconda metà a causa di alcune scene sbagliate, poi non da una motivazione valida della sparizione dei bambini nè si scopre il luogo dove sono stati segregati, nulla. Ci troviamo davanti a un film che aveva delle buone possibilità di essere girato bene, ma il regista o lo sceneggiatore o magari anche tutti e due, si sono spaventati ad andare oltre, ci sarà mai un regista che sa osare sfidando il suo pubblico?
Mah, aspettiamo qualche opera migliore, comunque vi consiglio di aspettare l'uscita in homevideo per vederlo, non ne vale la pena spendere soldi per questo polpettone hollywoodiano.



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.