Passa ai contenuti principali

New York New York

Un omaggio alla musica, una storia d'amore, e una canzone New York New York, che sarà immortale. New York New York è la storia di quella canzone e dell'amore tra i due musicisti che l'hanno scritta: Francine Evans e Jimmy Doyle. Interpretati dalla grande Liza Minnelli e Robert De Niro, che  per l'occasione ha imparato a suonare il sax.
L'ascesa, il successo e il declino di Doyle sono raccontati da uno Scorsese che è particolarmente ispirato, con un soggetto non propriamente familiare al suo cinema.
Ma qui riesce a fare un ottima pellicola, che al tempo dell'uscita è stata incompresa e che ha il suo più sincero omaggio al grande Vincent Minnelli, padre di Liza, la protagonista del film.
La versione italiana presenta diversi tagli di scene, quindi vi consiglio la versione originale che è più lunga e vi sono diverse scene.
Allora parliamo del film, che presenta alcune particolarità riconoscibili al suo cinema, ma con qualcosa in più: il magico accordo. Avere una donna, dei soldi e la musica che ti piace; una versione intrigante del sogno americano o meglio dirla frizzante direi, che è il sostantivo con cui si caratterizza meglio.
Il film inizia con la resa del Giappone sull'america, l'incontro/scontro tra Jimmy e Francine, la nascita del loro amore, il matrimonio, il successo dell'orchestra grazie alla calda voce di Francine, ma quando resta incinta le loro carriere si separano, lei fa dei commercial per la radio, e lui ha in mano l'orchestra con un altra cantante, ma le cose cominciano ad andare male. Il successo piano piano va via e persino Jimmy è costretto a cedere l'orchestra a Paul un amico che suona con  lui. Così comincia il lento declino che fortunatamente non durerà molto, perchè suonando nei club di colore Jimmy ricomincia ad essere riconosciuto per il suo talento.
Alla nascita del bambino la carriera di Francine decolla, diventa una diva sia del cinema che della canzone, anche a Jimmy le cose non vanno poi tanto male, grazie alla sua reputazione riesce ad aprire un locale a New York frequentato dai ricconi, ma le loro vite come le loro carriere camminano su binari diversi...quando si reincontrano forse una luce fa sperare in un ritorno insieme...o forse no...chi lo sa?
Bellissimo film che a differenza di tanti film musicali non ha una trama tutta rose e fiori, è il realistico, sincero, spudorato omaggio di un regista appassionato di musica a colui che era un re di questo genere l'ho citato poco fa, il padre di Liza.
Vedere per credere l'inserto Happy Endings, che è un film nel film praticamente, vorticoso, colorato e musicale proprio come un musical di Minnelli.
In conclusione, un grandissimo film da vedere, sia per la musica che per la drammaticità della storia, non un musical ma una storia d'amore per la musica, che si concentra attraverso la genialità del suo autore e sulla bravura dei protagonisti.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.