Passa ai contenuti principali

Starman

Questo film è un autentico cult movie.
Ancora prima di Ghost e di altri film romantici, John Carpenter ha voluto dirigere un film che mischiava il fantastico, la fantascienza e l'amore insieme andando chiaramente alla lontana dai film di fantascienza come noi li conosciamo.
Io l'ho sempre chiamato L'et di John Carpenter, anche se del capolavoro di Spielberg ha in comune solo la presenza aliena, ma in questo film si presenta con le sembianze di un uomo morto che si forma chiaramente davanti alla moglie.
L'inizio è travolgente, la protagonista (Karen Allen attrice molto in voga negli anni ottanta, si ricorda la sua partecipazione anche ne I predatori dell'arca perduta tra gli altri) guarda un filmino con il marito morto, e piange disperata, poi spegne e si va a coricare.
La sera un astronave cade dal cielo, ad uscire è un entità extraterrestre che raggiunge l'abitazione della donna e sfoglia un album di fotografie. Qui trova una ciocca di capelli in cui prende il dna e si forma con le stesse sembianze del marito della donna.
Inizierà una corsa contro il tempo per aiutare questo alieno a trovare la sua astronave e finalmente partire per il suo pianeta, non mancheranno i contrasti e le paure che la donna ha verso questo essere così sconosciuto, che finirà di conoscerlo e innamorarsi di lui. Lei sarà il suo aiuto per raggiungere l'astronave.
L'impresa risulterà alquanto difficile perchè ci sono anche le autorità che gli danno la caccia all'alieno perchè vogliono studiarlo per i loro esperimenti.
John Carpenter dirige un film originale, che all'inizio potrebbe risultare banale o stupidotto, ma non lo è semplicemente per vari motivi: Prima di tutto il suo voler discostarsi con l'et di Spielberg e dirigere un opera che risulti più vicina a se e più personale, mettendoci la sua impronta registica; poi il film possiede una magia sua che viene sottolineata anche dalla bravura di Jeff Bridges che potrebbe in un primo momento sembrare un pupazzo, ma che alla fine si rivela più autentico di tanti altri film che gli somigliano.
John Carpenter quando vira in altri generi cinematografici, avvolte non viene compreso del tutto, ma riesce a dirigere opere di grande sensibilità che restano impressi nel cuore e nella mente.
Alla produzione troviamo Michael Douglas e i mezzi a disposizione sono per un blockbuster, ma in conclusione il genio di Carpenter è presente in ogni scena e in ogni inquadratura, non è difficile amare questo film.
DA NON PERDERE


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.