Passa ai contenuti principali

Madagascar 3 Ricercati in europa

Non aspettatevi un capolavoro, anche se la casa di distribuzione è la Dreamworks. Questo è il terzo capitolo di Madagascar e come tale va preso; è un film di intrattenimento, soprattutto per i più piccoli o per chi apprezza un film solo come break dalla vita quotidiana.
E ci può stare; ovviamente come quasi tutti i terzi capitoli di una saga ha i suoi difetti: succedono troppe cose e si corre il rischio di annoiarsi o confondersi, ma bene o male si evita di fare sta fine grazie alla carica di adrenalina dei personaggi che bene o male riescono a divertire, i pinguini non hanno lo stesso appeal dei due capitoli precedenti, e la cattiva sembra più simpatica dei protagonisti.
E' lei la vera forza trainante del film, il resto dei personaggi sono anonimi, caratterizzati in maniera piuttosto approssimativa e non congeniale con il resto.
La cattiva, si lei, vera forza della natura di una pellicola che altrimenti senza di lei sarebbe stata piena di clichè e stereotipi, un outsider che riesce a divertire più di tutti i personaggi e che salva almeno in parte il film.
Sinceramente parlando, ormai sto 3D rompe le scatole, quasi tutti  i film che escono con questo 3D digitalizzato, togliendo la magia dei film d'animazione, ed è in 3D anche questo film; purtroppo.
Volete staccare la spina per divertirvi e non pensare ai vostri guai? E' il film che fa per voi, ma se cercate una pellicola più profonda, esistono film d'animazione migliori di questo di sicuro.
E' un vero peccato perchè il film aveva tutte le carte in regola per riuscire meglio, ma se bisogna fare i seguiti per incassare con il pubblico dei più piccoli, più della forma e del contenuto, ci si concentra su effetti speciali, computer grafica e altre cose...
Dopo tutto questo è il cinema, in conclusione una pellicola per i più piccoli, e per staccare la spina da prendere per come si presenta.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.