Passa ai contenuti principali

Cosmopolis

David Cronenberg ritorna al cinema, e lo fa con una pellicola tratta dal romanzo di Dom DeLillo. Come protagonista sceglie Robert Pattison, divo di Twilight nel ruolo di Eric Packer che prende la sua limousine e affronta qualsiasi cosa pur di raggiungere il suo barbiere, andando incontro anche a pericoli di vario tipo.
Il film si distanzia parecchio dai precedenti lavori di Cronenberg, e per chi legge il blog comprenderà di cosa sto parlando. Qui non ci sono mutazioni fisiche o psicologiche, qui c'è un uomo che lascia il suo castello di bottoni per scendere nella strada, nella vita reale per andare dal suo barbiere.
E' impreparato a quello che troverà, incontra persino la moglie e le parla, intorno a lui scorre la vita e succede di tutto, lui invece non sembra che cambi minimanente atteggiamento nei confronti della gente che incontra e in ciò che gli accade attorno; è inerme, asettico, assente, non è capace di nessuna reazione perchè vuole solo raggiungere il suo barbiere e basta.
Gli può cadere il mondo davanti ma non verrebbe smosso di un millimetro. Questo è il vuoto che circonda Eric, che è incapace di osservare la vita che gli gira intorno neanche quando gli riducono un catorcio la limousine si ferma nel suo intento.
Con questa pellicola di origine letteraria, Cronenberg narra il vuoto esistenziale che divide due classi sociali, la classe ricca, rappresentata da Eric, e la classe povera, che viene sottolineata dall'umanità che incontra durante il suo viaggio, che durerà un intera giornata a causa del blocco di traffico per la visita del presidente della repubblica.
Robert Pattison si mette in gioco dopo alcune prove che erano piuttosto lontane da Twilight che lo hanno visto protagonista per lasciarsi dietro il ricordo di Edward Cullen. Con questa pellicola si mette nelle mani di un grande regista, nonostante la sua interpretazione sia buona ma non è memorabile, riesce piano piano a scostarsi dal personaggio che gli ha dato la fama come idolo delle teenagers, con una interpretazione matura e acuta ma che ancora deve fuoriuscire del tutto.
Nel caso di Cronenberg ci troviamo di fronte al suo film più politico, più polemico nei confronti delle classi alte, e del vuoto che le circonda, nonostante il romanzo di origine riesce a dare una sua impronta personale alla pellicola, non è di certo il suo miglior film, ma si fa apprezzare molto bene, e questo al giorno d'oggi è più un pregio che un difetto.
DA COLLEZIONARE.




Commenti

  1. a me s'è fermato di traverso nell'esofago, accanto a Il Pasto nudo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo è una pellicola un po' particolare XD

      Elimina
  2. Lento , ma da non perdere....

    RispondiElimina
  3. condivio Arwen, Cosmopolis è un gioiello da assaporare dolcemente!

    RispondiElimina
  4. per me è un cronenberg più in linea al suo passato di quanto possa sembrare. non siamo molto distanti dalle parti di existenz e come in crash c'è un rapporto molto fisico con la macchina...
    dopo l'inguardabile a dangerous method, per me cronenberg è tornato sulla retta via

    RispondiElimina
  5. Me lo guarderò nei prossimi giorni, poi pubblicherò il mio parere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.