Passa ai contenuti principali

The Lady - L'amore per la libertà

Luc Besson, autore dei bellissimi Leòn e Il Quinto elemento, con il suo ultimo film ci racconta la storia di Ang San Suu Kiy, donna coraggiosa che si batte contro il regime Birmano per stabilire la libertà nel suo paese.
Sarà una lotta difficile e disperata, fatta da una donna con un coraggio da leonessa che non si arrende davanti a nulla in nome della libertà.
Oggi si parla di libertà in modo facilone, diffidate di gente che parla in questo modo di una cosa fondamentale per l'uomo; abbiate fiducia invece di chi si fa imprigionare e torturare per la libertà, come succede alla protagonista di questo film.
La biopic di Besson è un film che fa riflettere sulla tirannia dell'uomo verso i più deboli, ma vi sono delle persone che non si fanno ingabbiare dalla prepotenza di chi usa le armi e la violenza per sottomettere un intero popolo.
La storia è realmente accaduta, e narra la vita del premio nobel per la pace nel 1991 Ang San suu kiy, che per il solo fatto di ribellarsi al regime del suo paese è stata agli arresti domiciliari per molto tempo, tanto che non ha potuto assistere il marito sul letto di morte perchè il generale l'ha ricattata.
Una donna che non si è  fermata davanti a niente e  a nessuno per la libertà del suo paese, nemmeno alle minacce del regime, ma che ha vinto la sua battaglia risvegliando il suo popolo. Una donna che ha sopportato tutto, il dolore della lontananza dalla sua famiglia, la solitudine e tante altre cose. Il tutto senza mai perdere di vista il suo obiettivo principale, liberare il suo popolo dalla tirannia.
E' un film intenso e commovente che racconta la storia di una donna che con coraggio sfida il regime del suo paese per liberare il suo popolo, la storia si potrebbe riassumere così. La regia di Besson è intensa e ispirata, Bravissima Michelle Yeoh, la sua interpretazione vale da sola la visione del film, David Tewliss nel ruolo del marito che nonostante tutto appoggia la scelta di sua moglie, e sta accanto ai suoi figli nel momento più difficile della loro vita.
Avvolte è proprio il coraggio a far tremare i potenti, soprattutto quando chi acchiappa il coraggio, riesce a far sentire la sua voce al popolo diventando una minaccia per tutti i regimi.
Un film straordinario, per riflettere sul coraggio, sulla vita e soprattutto sulla libertà degli individui, che è una cosa fondamentale per vivere in pace con il prossimo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.