Passa ai contenuti principali

The Lady - L'amore per la libertà

Luc Besson, autore dei bellissimi Leòn e Il Quinto elemento, con il suo ultimo film ci racconta la storia di Ang San Suu Kiy, donna coraggiosa che si batte contro il regime Birmano per stabilire la libertà nel suo paese.
Sarà una lotta difficile e disperata, fatta da una donna con un coraggio da leonessa che non si arrende davanti a nulla in nome della libertà.
Oggi si parla di libertà in modo facilone, diffidate di gente che parla in questo modo di una cosa fondamentale per l'uomo; abbiate fiducia invece di chi si fa imprigionare e torturare per la libertà, come succede alla protagonista di questo film.
La biopic di Besson è un film che fa riflettere sulla tirannia dell'uomo verso i più deboli, ma vi sono delle persone che non si fanno ingabbiare dalla prepotenza di chi usa le armi e la violenza per sottomettere un intero popolo.
La storia è realmente accaduta, e narra la vita del premio nobel per la pace nel 1991 Ang San suu kiy, che per il solo fatto di ribellarsi al regime del suo paese è stata agli arresti domiciliari per molto tempo, tanto che non ha potuto assistere il marito sul letto di morte perchè il generale l'ha ricattata.
Una donna che non si è  fermata davanti a niente e  a nessuno per la libertà del suo paese, nemmeno alle minacce del regime, ma che ha vinto la sua battaglia risvegliando il suo popolo. Una donna che ha sopportato tutto, il dolore della lontananza dalla sua famiglia, la solitudine e tante altre cose. Il tutto senza mai perdere di vista il suo obiettivo principale, liberare il suo popolo dalla tirannia.
E' un film intenso e commovente che racconta la storia di una donna che con coraggio sfida il regime del suo paese per liberare il suo popolo, la storia si potrebbe riassumere così. La regia di Besson è intensa e ispirata, Bravissima Michelle Yeoh, la sua interpretazione vale da sola la visione del film, David Tewliss nel ruolo del marito che nonostante tutto appoggia la scelta di sua moglie, e sta accanto ai suoi figli nel momento più difficile della loro vita.
Avvolte è proprio il coraggio a far tremare i potenti, soprattutto quando chi acchiappa il coraggio, riesce a far sentire la sua voce al popolo diventando una minaccia per tutti i regimi.
Un film straordinario, per riflettere sul coraggio, sulla vita e soprattutto sulla libertà degli individui, che è una cosa fondamentale per vivere in pace con il prossimo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.